Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 887
VITTORIA - 13/05/2008
Cronache - Vittoria - Avrebbe tentato di uccidere la vittima per futili motivi

Tentato omicidio dell´albanese:
fermato un clandestino 21enne

Marius Lazar, ferito alla caviglia, si è salvato solo perchè la pistola del suo aggressore si era inceppata Foto Corrierediragusa.it

E´ stata fatta piena luce dalla Polizia sul ferimento alla caviglia con un colpo di pistola del romeno di 19 anni Marius Lazar. Quest´ultimo, la notte fra sabato e domenica, si era presentato al Pronto soccorso di Vittoria per una ferita d’arma da fuoco alla caviglia sinistra.

Squadra mobile e commissariato di Vittoria hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Redian Hoxa (nella foto), 21 anni. Il clandestino è accusato di tentato omicidio e detenzione e porto abusivo di arma da fuoco. Grazie all’attività info-investigativa sono stati sentiti numerosi soggetti presenti nel locale di Scoglitti al momento della sparatoria. La Scientifica ha invece raccolto preziosi indizi circa l’esatto svolgimento dei fatti nonché sul coinvolgimento di Hoxa, oltre ad accertare anche il particolare inquietante che il criminale aveva cercato di esplodere ulteriori colpi di pistola all’indirizzo della vittima, salvatasi solo perché l’arma si era inceppata.

Inoltre sono stati ottenuti precisi ed inconfutabili riscontri sulla lite avvenuta poco prima della sparatoria tra la vittima e l’albanese clandestino, generata da futili motivi. In tale contesto sono state immediatamente avviate le ricerche del sospettato che, grazie alla conoscenza del personale operante della realtà criminale vittoriose, è stato individuato e bloccato in un casolare ubicato in contrada Lucarella. Nascosta in muretto è stata rinvenuta anche l’arma utilizzata dal malvivente.

La pistola, le altre armi e il cannocchiale di cui era in possesso il clandestino