Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1412
VITTORIA - 10/01/2014
Cronache - Cinque componenti delle due bande sono stati ammanettati all’alba in flagranza

Narcotrafficanti algerini e tunisini arrestati

Lo spaccio di cocaina e hashish partiva da Vittoria e Scoglitti
Foto CorrierediRagusa.it

Narcotrafficanti algerini e tunisini senza fissa dimora divisi in due bande agli ordini di organizzazioni malavitose palermitane avevano organizzato un vasto giro di spaccio di cocaina e hashish nell’ipparino. Le manette sono scattate in flagranza all’alba per 5 componenti della banda, mentre altri 7 sono destinatari di ordinanze di custodia cautelare in carcere e ricercati anche all’estero. Gli arrestati sono Bedoui Mohamed Hedi, 48 anni; Khadimallah Mohamed Ben Salah, 33 anni; Ajej Ghazi, 33 anni; Oueslati Nourredine, 47 anni; Sayari Imed, 26 anni, tutti tunisini. Con il blitz dell’operazione «Dual band» i Carabinieri hanno smantellato una organizzazione criminale con basi operative a Vittoria e Scoglitti, da dove si partiva più volte la settimana con destinazione Palermo per il reperimento della droga. Le operazioni di compravendita della droga avvenivano con messaggi cifrati e telefonate criptate. Lo stupefacente era custodito in un’autofficina intestata ad un meccanico facente parte di una delle due bande. Lo spaccio avveniva nei pressi di bar e luoghi di ritrovo vicini al mercato ortofrutticolo di Fanello e della strada per Acate dove convergevano tossicodipendenti dal ragusano, dal nisseno, dal catanese e dal calatino.

Le indagini erano partite nell’ottobre 2011, come spiegato dal comandante provinciale dei Carabinieri di Ragusa Salvo Gagliano e dal capitano della compagnia di Vittoria Francesco Soricelli (da dx nella foto). Per tutti l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico di cocaina e hashish.