Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1239
VITTORIA - 11/12/2013
Cronache - La Guardia di Finanza ha sequestrato una cisterna e 8mila litri di gasolio

Traffico illecito di carburanti, 8 denunce

Coinvolte 3 società operanti nel settore degli autotrasporti Foto Corrierediragusa.it

Crisi e prezzi alle stelle hanno sempre favorito il «mercato nero». Anche per il gasolio. E Vittoria è un mercato che si presta, soprattutto per quanto riguarda le aziende agricole. L’ultimo traffico illecito è stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Vittoria, che a conclusione di un’operazione mirata nel settore degli oli minerali ha scoperto un giro di gasolio in nero circolante a mezzo autobotti. Otto autotrasportatori sono stati denunciati e 8 mila litri di gasolio sequestrati.

Dopo lunghi appostamenti in diverse zone della città, i finanzieri hanno individuato un’autobotte sospetta proprio a pochi metri del mercato ortofrutticolo, dove centinaia di camion transitano ogni giorno. Osservandone i movimenti a distanza, i finanzieri si sono resi conto che l’autobotte stava entrando in un’azienda di autotrasporti, dove gli autisti avevano appena scaricato del prodotto petrolifero all’interno di una cisterna aerea. Appena fuori dal piazzale, i militari hanno fermato il mezzo pesante e chiesto ai due autisti di esibire la documentazione attestante la quantità, la natura e la destinazione del carico. Le giustificazioni fornite dai conducenti hanno assodato che i sospetti dei finanzieri erano fondati, poiché i circa 4.000 litri di gasolio contenuti in quell’autobotte, viaggiavano «in nero». Dagli accertamenti svolti nell’immediatezza del fermo, è emerso che il mezzo apparteneva ad una locale azienda di trasporti, della quale i due autisti erano dipendenti.

Accertata la flagranza del contrabbando, la pattuglia si è recata presso il piazzale dove i due uomini avevano effettuato lo scarico, sorprendendo un vittoriese, M.B. (che in passato ha avuto guai giudiziari sempre attinenti alla sua attività di gestore di gasolio in una zona periferica) intento nel fare il pieno ad un autoarticolato. Quest’ultimo stava utilizzando il gasolio appena scaricato nella cisterna fissa, dichiarata di sua proprietà, che era peraltro munita di pistola erogatrice e di contalitri.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Vittoria hanno provveduto a sigillare il contantore ed a porlo sotto sequestro, assieme a tutto il gasolio contenuto all’interno (8.000 litri). Allo stesso modo sono stati sequestrati i due mezzi pesanti: l’autobotte che aveva appena scaricato ed il trattore stradale che si stava rifornendo, anch’esso di proprietà di una ditta di trasporto merci della zona.

Al termine delle attività sono stati denunciati 8 soggetti per contrabbando di prodotto petrolifero e per detenzione di materiale esplodente senza le prescritte autorizzazioni. Sono tre le società coinvolte, tutte operanti nel settore degli autotrasporti.