Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 762
VITTORIA - 06/05/2008
Cronache - Vittoria- Ferita lievemente anche una ragazza di 26 anni

Muore un giovane di 21 anni sulla Vittoria- Scoglitti

Simone Arancio, a bordo di una Fiat Stilo, ha perso la vita all’altezza del Malibù, alle porte della frazione Foto Corrierediragusa.it

Comincia male la stagione estiva a Vittoria. Un ragazzo di 21 anni, Simone Arancio, figlio o parente di un commerciante di frutta e verdura a Scoglitti, è morto in serata, intorno alle 20,30, a causa di un incidente stradale verificatosi sulla Vittoria- mare, all’altezza del locale Malibù, a circa un chilometro da Scoglitti. Il giovane, che viaggiava a bordo di una Fiat Stilo, era diretto nella frazione marinara quando s’è scontrato, per cause che la Polizia municipale sta ricostruendo, con una Smart condotta da C.M., una ragazza di 26 anni. Simone Arancio e la ragazza sono entrambi di Scoglitti e probabilmente stavano tornando a casa quando la sorte ha voluto che entrassero in collisione con le loro utilitarie.

L’ipotesi che gli agenti fanno trapelare, è quella dell’alta velocità. Fino a tarda notte la Polizia municipale è stata impegnata nella ricostruzione della dinamica del sinistro. Il giovane sarebbe morto sul colpo, mentre la ragazza, in un primo momento ricoverata presso il nosocomio di Comiso, è stata dimessa subito dopo le medicazioni. E’ rimasta praticamente illesa.

Dicevamo che la stagione estiva comincia male a Vittoria e negli altri comuni iblei. Sulla Vittoria-Scoglitti, è giunta l’ora di prendere altri provvedimenti ancora più duri se si vuole stroncare il malvezzo dell’alta velocità. Domenica a mezzogiorno, in contrada Cicchitto, nei pressi del rifornimento Esso, un giovane di 19 anni a bordo di uno scooter ha tamponato una vettura che stava facendo inversione. Non indossava il casco protettivo e il suo volto è diventato una maschera di sangue. Ha subito un trauma facciale guaribile in 15 giorni. Quella strada della morte necessità di un pattugliamento di forze dell’ordine costante, un deterrente che scoraggi gli automobilisti ad attentare alla loro e alla vita degli altri. Ma chi dovrà intervenire?