Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 811
VITTORIA - 21/10/2013
Cronache - Nessuna notizia arriva dalle fonti ufficiali

Nuova rissa a piazza del Popolo a Vittoria

Ci sono tracce di sangue evidenti in zona
Foto CorrierediRagusa.it

Una nuova rissa si sarebbe verificata la notte di sabato scorsa in piazza del Popolo. Nessuna notizia arriva dalle fonti ufficiali, ma nelle vicinanze della cabina telefonica collocata di fronte alla Banca Agricola Popolare e nei pressi di una panchetta, ci sono tracce di sangue evidenti. Segni evidenti di una colluttazione con le mani e forse con l’ausilio di qualche arma impropria fra più persone che avrebbe di nuovo acceso i riflettori sulla piazza, il salotto della città dove centinaia di giovani si concentrano nei fine settimana. Se rissa c’è stata, di sicuro dopo il servizio effettuato dai vigili urbani, istituito nei giorni festivi ma fino all’una di notte.

La vicenda riporta a galla polemiche sull’ordine pubblico a Vittoria, soprattutto dopo la mega rissa di sabato 5 ottobre, quando per una sigaretta non offerta due giovani ventenni sono stati pestati a sangue dal branco composta da circa, 8/10 persone. I due aggrediti sono finiti in ospedale e dopo 15 giorni due del branco, un minore vittoriese e un immigrato, sono stati denunciati dalla Polizia.

LA RISSA DEL BRANCO
Individuati e denunciati dalla Polizia di Vittoria i presunti autori della rissa avvenuta in piazza del Popolo la notte del 5 ottobre scorso. Nel corso della quale due giovani ventenni vennero pestati a dovere da un «branco» di giovinastri, circa 8/10, alcuni anche minorenni, per futili motivi: una richiesta di sigaretta e il desiderio di voler provare un paio di occhiali. L’evento creò parecchio allarme sociale, considerato che la piazza del Popolo da qualche anno è diventata un centro modello di aggregazione sociale fra giovani.

Sulla base delle testimonianze raccolte, gli agenti di Polizia hanno finalmente individuato e denunciato i due «malandrini» che alle 22,30 di sabato 5 ottobre provocarono il parapiglia in piazza, tanto da fare invocare ai cittadini del posto maggiore presenza delle forze dell’ordine per garantire più sicurezza. Infatti, la volante di Polizia perlustra la zona dalle 22 del sabato fino all’una del giorno successivo, proprio per scongiurare il ripetersi di fatti analoghi.

Le indagini hanno fatto luce su quell’episodio. Sono stati identificati un marocchino di 19 anni, Z.N., residente a Vittoria, e un vittoriese minorenne G.G., entrambi incensurati. I due avrebbero provocato contusioni alle vittime, precisamene escoriazioni e un trauma cranico minori guaribili con prognosi di 5 e 10 giorni.

Gli investigatori hanno accertato che quella sera un gruppo di ragazzi, spavaldi e arroganti, prese di mira un altro gruppetto di loro coetanei. Prima avrebbero chiesto loro che gli venissero offerte delle sigarette, poi che potessero provare degli occhiali che uno teneva. Al netto rifiuto, il primo giovane veniva invitato a spostarsi in un vicolo vicino per discutere meglio la cosa. Rifiutatosi di eseguire l’ordine, senza mezzi termini è stato investito da calci e pugni, prima da uno solo, e poi da almeno altri sette soggetti. Un amico della vittima si era intromesso per dividere i litiganti, ma anche lui era diventato bersaglio di calci e pugni.

Gli aggressori sono stati segnalati alle rispettive Procure, ordinaria per il maggiorenne, per i minori per l’altro, perché ritenuti responsabili dei reati di rissa e lesioni personali.