Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 797
VITTORIA - 10/10/2013
Cronache - Le fiamme hanno danneggiato il veicolo e annerito il prospetto di uno stabile disabitato

Incendio doloso auto ragioniere capo

Il dirigente comunale nonché componente del Cda della Vittoria mercati: "Spero si tratti di una bravata. Non so spiegarmi l’accaduto". Pioggia di solidarietà dal mondo politico. Chiesto incontro con il prefetto
Foto CorrierediRagusa.it

Un boato, le fiamme alte in poco tempo, una macchina distrutta e la facciata di una casa di via Dei Mille annerita dal fumo. Un rituale che Vittoria ben conosce, purtroppo. L’incendio è doloso ed è indirizzato al dirigente dell’ufficio Ragioneria del Comune di Vittoria, nonché componente il Consiglio di amministrazione della Vittoria mercati srl, insieme all’ingegnere Angelo Piccione e al presidente Emanuele Garrasi. Un personaggio pubblico, una professionista serio e competente, una persona per bene, prima di tutto. Uno che s’è fatto apprezzare per competenza, professionalità e pragmatismo, tanto che le varie amministrazioni comunali che si sono succedete gli hanno riservato sempre un incarico di grande delicatezza e responsabilità per sanare bilanci ed eliminare criticità, ora all’Amiu, ora all’Emaia, infine alla Vittoria mercati, settore nevralgico dell’economia, una società che proprio in questi giorni ha annunciato tutti gli interventi forti per mettere ordine e regole legali in un settore che non si può definire privo di contaminazioni malavitose e in passato anche mafiose.

L’incendio che ha danneggiato una Volvo S60 (foto) è divampato all’incirca all’1,20. Prima sono arrivati i Vigili del fuoco e dopo la Polizia. La matrice dolosa è apparsa subito chiara. Nella stessa nottata il funzionario si è recato in Commissariato per denunciare l’accaduto. Alle domande degli inquirenti ha riferito di non sapersi spiegare l’accaduto, proprio come ha risposto alla nostra telefonata. «Non so che dire. Spero sia stata una bravata. Non riesco a spiegarmi quello che è successo, ho sempre lavorato nella massima correttezza. Non ho mai avuto presagi sinistri».

La Polizia adesso indaga sull’accaduto per capire da quale settore possa essere arrivato questo increscioso avvertimento andando a rivedere l’attività lavorativo del dirigente, mettendo al primo posto il mercato ortofrutticolo e l’attività delle Vittoria mercati srl.

Sparsa la notizia dell’avvertimento, all’indirizzo di Giuseppe Sulsenti sono arrivati attestati di solidarietà. Primo fra tutti, il presidente della Vittoria mercati srl Emanuele Garrasi e di Giuseppe Piccione. «Abbiamo appreso la notizia del vile atto incendiario di cui è stato vittima l’amico e collega Giuseppe Sulsenti, al quale in questo momento vogliamo esprimere con forza la nostra personale solidarietà, vicinanza e gratitudine per la professionalità, correttezza ed onestà con la quale opera per la Vittoria Mercati e per il Comune di Vittoria. Siamo certi che le Autorità sapranno fare immediatamente luce su quanto accaduto a tutela del dott. Sulsenti e delle Istituzioni presso le quali egli presta servizio».

Immediata la reazione dell’amministrazione comunale. Solidarietà e dichiarazioni che stigmatizzato la vile azione. Il sindaco Giuseppe Nicosia ha convocato una conferenza stampa per parlare dell’accaduto. Con il sindaco, il vice Filippo Cavallo, l’assessore all’Agricoltura Gianni Caruano, che preannuncia incontri con il prefetto Annunziato Vardè. Al coro della solidarietà si sono uniti il Pd, il Megafono e il gruppo Incontriamoci di Vittoria. Ma anche i partiti di opposizione si sono fatti sentire con forza. Sel e il coordinatore provinciale Enzo Cilia hanno manifestato vicinanza al dirigente del Comune. E dall’opposizione anche Giovanni Moscato e Andrea Nicosia: «Il vile atto- scrivono i due- va condannato senza se e senza ma e chiediamo alle Istituzioni tutte di aumentare l’attenzione sul nostro territorio». In serata è giunta anche la solidarietà anche dall’Associazione dei Concessionari ortofrutticoli, dell´ex sindaco Francesco Aiello, che chiede l´immediata convocazione del Consiglio comunale, e dell´Udc di Vittoria.