Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1408
VITTORIA - 06/09/2013
Cronache - Manette per un vittoriese di 46 anni bracciante agricolo: ha distrutto l’auto del rivale

Stalker incensurato perseguita ex moglie

La vicenda, iniziata dopo il fallimento del rapporto coniugale nel dicembre 2012 con presentazione di ricorso per separazione consensuale, è andata avanti con numerosi atti persecutori fino all’agosto scorso Foto Corrierediragusa.it

Ancora un caso di stalking è stato accertato dagli agenti del commissariato di di Vittoria diretto dal vice questore aggiunto Rosario Amarù al termine di una lunga attività d’indagine coordinata dalla procura di Ragusa. I poliziotti hanno arrestato un vittoriese di 46 anni, bracciante agricolo ed incensurato, ritenuto responsabile del reato di atti persecutori. L’uomo è stato raggiunto nella sua abitazione dove gli è stata notificata un’ordinanza che dispone la misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal giudice per le indagini preliminari Giampiccolo su richiesta del sostituto procuratore Maone. Il procedimento penale è scaturito a seguito di una iniziale denuncia presentata nel gennaio scorso in commissariato dalla vittima, una donna di 45 anni, alla quale hanno fatto seguito una serie ripetuta di ulteriori denunce, per il realizzarsi di un’escalation violenta, anche nei confronti di altre persone, oltre la donna, da parte dello stalker ora arrestato.

La vicenda, iniziata dopo il fallimento del rapporto coniugale nel dicembre 2012 con presentazione di ricorso per separazione consensuale, è andata avanti con numerosi atti persecutori fino all’agosto scorso. Una vicenda caratterizzata da molestie scaturenti dall´intensa gelosia dell’indagato nei confronti della moglie, che aveva cominciato una relazione con un altro uomo, e che hanno finito per coinvolgere e turbare la sfera personale anche dei due figli della coppia e del compagno.

Le molestie e le persecuzioni si sono susseguite in un crescendo allarmante di gravità. Prima erano fitte telefonate, anche sul luogo di lavoro della donna, mute, poi ingiuriose; poi sono consistite nell’indirizzare ai figli richieste di mediazione per il recupero del matrimonio e informazioni su ciò che la madre stesse facendo; poi ancora negli appostamenti all’esterno dell’abitazione della moglie, nel pedinarla, seguirne gli spostamenti seguendola con la macchina; ed ancora nel danneggiare per ben quattro volte l’autovettura del nuovo compagno della moglie, che era costretto, per il timore, a non recarsi più a lavoro a bordo della sua autovettura, a limitare le visite alla compagna e, quando lo faceva, a parcheggiare il veicolo lontano dall’abitazione della donna al fine di non essere rintracciato, e che subiva comunque il danneggiamento del parabrezza anteriore, mandato in frantumi, poi di quello posteriore, poi ancora di quello anteriore e successivamente anche del paraurti, del cofano anteriore e del vetro dello sportello anteriore, frantumato col lancio di un grosso masso. In ben tre dei citati episodi, delle telecamere di sorveglianza hanno immortalato l’azione delittuosa riprendendo l’indagato mentre pone in essere le condotte.

Infine sono consistite nel minacciare di morte direttamente, ed indirettamente, per il tramite dei figli, sia la moglie che il compagno della moglie fino a paventare in alcuni casi l’annientamento di tutti gli attori della vicenda, egli stesso compreso. Il giudice ha ritenuto di applicare la misura cautelare degli arresti domiciliari per il reato di atti persecutori in danno sia dell’ex moglie che del compagno di quest’ultima.