Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1421
VITTORIA - 03/09/2013
Cronache - Scoperto dalla stessa vittima un vittoriese troppo curioso

Spiava e-mail della sua ex: denunciato

Le indagini sono state condotte dalla polizia Foto Corrierediragusa.it

Aveva il poco educato vizietto di ficcare il naso nella posta elettronica della sua ex fidanzata di 24 anni, ovviamente all’insaputa di quest’ultima. Ma quando gli altarini sono stati scoperti, per un 33enne di Vittoria è scattata la denuncia per accesso abusivo ad un sistema informatico. Le indagini della polizia sono state avviate a seguito della denuncia presentata dalla vittima, che, nel tentativo di accedere alla sua casella di posta elettronica, riceveva dal sistema la comunicazione automatica che il login era già stato effettuato. La donna si è subito insospettita di tale fatto perché era assolutamente sicura di non avere connessioni in corso da altri computer e che dopo l’ultimo accesso si era sicuramente disconnessa effettuando il logout.

Ha quindi presentato denuncia e sono state avviate le indagini della polizia tra i gestori di telefonia. Si è così risalito al numero telefonico dal quale era stata generata la connessione abusiva e non autorizzata legata all’Ip (internet provider) assegnato all’accesso indebito. Dall’utenza si è risaliti al suo intestatario, che, convocato negli uffici del commissariato, ha ammesso di essere l’unico utilizzatore della linea adsl, e, confessando di essere l’autore dell’indebito accesso all’account di posta elettronica della ex ragazza, di cui voleva spiare frequentazioni e altro.

L’uomo si è giustificato dicendo che «per curiosità» aveva sbirciato la corrispondenza della donna essendo stato diversi anni prima fidanzato con lei ed essendo a conoscenza ed ancora in possesso delle credenziali di accesso all’indirizzo email. Inevitabile a quel punto la denuncia all’autorità giudiziaria.