Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 936
VITTORIA - 14/08/2013
Cronache - Recuperata collezione di monete in una casa di via Gaeta

La polizia arresta per furto il vittoriese Filippo Motta

Preso grazie alle testimonianze di qualcuno che ha visto. Ricercati altri 3 complici
Foto CorrierediRagusa.it

Arrestato dalla Polizia poco tempo dopo avere scassinato una casa in via Gaeta, alle 4 del pomeriggio, mentre le strade sono semideserte. Ma alcune persone hanno visto e sentito, ed hanno dato le giuste indicazioni agli agenti permettendo loro di acciuffare Filippo Motta (foto), 37 anni, pregiudicato di lungo corso per reati contro il patrimonio, ritenuto uno degli autori del furto in un’abitazione privata.

Alle 17 circa, un cittadino allarmato chiama il 113, riferisce che casa sua, in via Gaeta, zona centrale, è stata forzata dai ladri, porte aperte e infissi rotti, all’interno è tutto a soqquadro. Gli agenti accertano che dall’appartamento manca una collezione di monete del valore di circa 10 mila euro.

Un cittadino dotato di alto senso civico, riferisce agli inquirenti di avere notato poco prima quattro persone che si allontanavano di corsa dai pressi della casa scassinata. Fornisce anche una descrizione dei soggetti, le caratteristiche fisiche e l’abbigliamento. Informazioni che si rivelano fondamentali. Dopo pochi minuti viene intercettato Filippo Motta, indossa lo stesso abbigliamento e le caratteristiche fisiche descritte dalle testimonianze. Durante la perquisizione dal marsupio cade una moneta da collezione da 10 lire. Ma dalla perquisizione domiciliare gli agenti, trovano sopra una mensola delle buste di plastica sigillate contenenti le serie di monete di diversi anni.

Filippo Motta è stato condotto in Commissariato e sottoposto al regime degli arresti domiciliari. La Polizia continua le indagini per identificare gli altri complici che hanno partecipato al furto.