Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 987
VITTORIA - 04/07/2013
Cronache - Polemiche per l’impraticabilità delle arterie cittadine

Strade dissestate, centauro s’infortuna

La Cna denuncia: «Un artigiano è finito in una buca, ha scassato lo scooter e si è lussato un braccio. Il neo assessore Dezio intervenga subito» Foto Corrierediragusa.it

Riparare una buca può costare 50, 100 euro a seconda delle dimensioni. Quanto costa risarcire un centauro che a causa della buca rompe lo scooter e finisce in ospedale? Non è un problema scolastico, ma l’interrogativo spontaneo di fronte a un caso del genere. E’ successo davvero, nella zona artigianale di Vittoria, ridotta ai ai limiti della impraticabilità come tutte le strade della città.

Un «battesimo» di fuoco per il neo assessore ai Lavori pubblici Angelo Dezio. «In questa città ci si fa male andando a lavoro», è la denuncia della Cna di Vittoria fatta dal presidente Cna territoriale Giuseppe Santocono e dal responsabile organizzativo Giorgio Stracquadanio in riferimento ad un episodio accaduto qualche giorno fa.

«Il responsabile tecnico di un centro revisioni della zona artigianale – raccontano Santocono e Stracquadanio – come ogni mattina, insieme con tanti cittadini, partecipa al gran premio di gimcana che consiste nello zigzagare con le voragini che caratterizzano la nostra rete viaria. Verso la fine del percorso, in via F. Bonetta (la strada principale della nostra zona artigianale), non è riuscito ad evitarne una. Facciamo notare che le voragini della zona artigianale sono tra le più significative del nostro territorio. Il risultato? Scooter semiscassato e braccio lussato. Sorvolando sulla cronaca semiseria (ma molto reale) del fatto, ci corre l´obbligo di sottolineare che da anni sollecitiamo, con cadenza quasi mensile, sindaco e amministratori invitandoli ad essere più attenti e soprattutto a rendere vivibile, sicura e accogliente la zona artigianale. Dobbiamo per forza entrare in polemica per fatti di ordinaria amministrazione? Chiediamo al neo assessore alle Manutenzioni, Angelo Dezio, esperto e decano del settore, a cui facciamo gli auguri di buon lavoro per l’importante e prestigioso incarico che gli è stato affidato, di attivarsi immediatamente. Le imprese non possono essere solo vacche da mungere per l´Imu, la Tares, l’Inpa, etc».