Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 21 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 20:53
VITTORIA - 30/06/2013
Cronache - I disagi dei cittadini di Scoglitti a inizio estate

Costa Fenicia tra incuria e degrado, cittadini protestano

Lettera al nostro giornale: «Il carico fiscale che paghiamo per la raccolta dei rifiuti è eccessivo rispetto al servizio»
Foto CorrierediRagusa.it

Per gli abitanti di Costa Fenicia (Scoglitti) la fase di sopportazione è terminata. Nonostante la stagione estiva sia entrata nel vivo già da un pezzo, continuano a far discutere le pessime condizioni della zona costiera in merito allo stato attuale di ciò che riguarda pulizia e stato igienico della frazione. Con una lettera inoltrata direttamente al nostro giornale, i residenti denunciano.

«Le foto allegate – dicono – rappresentano da sole una denuncia: oltre ad un lungomare già impraticabile per cumuli di sabbia e buche nell´asfalto, si aggiunge oggi la preoccupante situazione sanitaria determinata dalla carente raccolta dei rifiuti, servizio sicuramente non proporzionato al carico fiscale che per esso si chiede e che è stato versato da noi cittadini. Lo scenario è allarmante: la spazzatura proveniente anche da zone limitrofe, forma cumuli maleodoranti e mefitici, che, oltre ad essere infestati da topi, attirano branchi di cani randagi con grave pericolo per la sicurezza degli abitanti e dei passanti. Quest´ultimo aspetto riveste particolare gravità vista anche la forte presenza di bambini. Eppure basta allontanarsi di pochi chilometri per trovare situazioni diverse, che parlano di civiltà e cura dell´ambiente. Rivolgiamo all’Amministrazione e chi di competenza di agire al più presto, e per far sì che gli abitanti di Costa Fenicia non vengano abbandonati ognuno al proprio destino. Chiediamo solamente il rispetto dei nostri diritti».