Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1153
VITTORIA - 17/04/2008
Cronache - Vittoria - Ordinanza di custodia cautelare per un presunto ladro vittoriese

Salvatore Galifi arrestato dalla Polizia di Vittoria

E’ accusato di di 3 furti commessi alla fine del 2007 Foto Corrierediragusa.it

Salvatore Galifi (nella foto), vittoriese di 39 anni, con numerosi precedenti penali, è stato tratto in arresto dagli agenti del Commissariato di Vittoria in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Ragusa Vincenzo Saito, a seguito di richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Monica Monego.

Il Galifi è ritenuto responsabile di 3 furti aggravati: il primo, perpetrato il 14 maggio 2007 all’interno di un’autovettura parcheggiata nei pressi della spiaggia di Baia Dorica a Scoglitti, da dove asportava un navigatore satellitare, una macchina fotografica e un paio di occhiali; il secondo, avvenuto il 28 novembre 2007, sempre all’interno di un’autovettura parcheggiata in via Ricasoli a Vittoria, da dove si impossessava di un marsupio contenente delle carte di credito con le quali riusciva ad effettuare dei prelievi per un ammontare di 750 euro. Il terzo all’interno di un furgone parcheggiato in via Gaeta a Vittoria, allorché, l’1 dicembre 2007, tentò di impadronirsi di un portafoglio non riuscendovi per il tempestivo intervento del proprietario che, dopo averlo bloccato, chiedeva l’intervento della pattuglia di Volante.

Per il primo furto, Galifi fu denunciato dai Carabinieri di Vittoria, mentre per gli altri 2 intervenne il Commissariato di Vittoria. Nella circostanza Galifi è stato riconosciuto, senza ombra di dubbio, da agenti della polizia a seguito della visione delle riprese della videocamera della banca presso la quale fece i prelievi con le carte di credito rubate poco prima.