Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 561
VITTORIA - 09/05/2013
Cronache - Paura in via Venusti a Vittoria per nel pomeriggio di mercoledì

Incendia casa fratello per eredità: arrestata

Ultimamente si era registrato un acuirsi degli scontri tra i soggetti in lite ed erano state apertamente minacciate ritorsioni molto gravi anche nel senso di «incendiare» l’oggetto del contendere Foto Corrierediragusa.it

Rancori familiari per un edificio oggetto del contendere e alla fine... bruciato (foto). E’ accaduto in via Venusti, zona Forcone, dove una donna di 59 anni, Rosaria La Rocca, commerciante e incensurata, ha appiccato le fiamme all’ultimo piano di un palazzo abitato da due nuclei familiari in lotta da tempo per il possesso dell’immobile. Tra i contendenti pure la piromane, arrestata dalla polizia in quanto reo confessa. La donna era stata vista aggirarsi nel palazzo poco prima che scoppiasse l’incendio, preceduto da un forte odore di benzina. I vigili del fuoco hanno dovuto faticare non poco per spegnere le fiamme, evacuando l’edificio a causa del rischio di deflagrazione di due bombole gpl, una delle quali deformatasi pericolosamente a causa di una fiammata. Per fortuna tutto si è risolto per il meglio e non ci sono state vittime. Le fiamme avevano attecchito sul terrazzo, ampio 150 metri quadrati e dove vi erano ammassate masserizie e legname che hanno funto da combustibile per le fiamme. L’immobile, di proprietà di una famiglia, come accennato è fonte di dissidi e rancori tra parenti da molto tempo.

Ultimamente si era registrato un acuirsi degli scontri tra i soggetti in lite ed erano state apertamente minacciate ritorsioni molto gravi anche nel senso di «incendiare» l’oggetto del contendere. Cosa che adesso è avvenuta materialmente. La parte di edificio gravemente danneggiata dall’incendio è stata posta sotto sequestro per le eventuali ulteriori indagini tecnico-scientifiche disposte dall’autorità giudiziaria. Alla 59enne arrestata sono stati concessi i domiciliari.