Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 685
VITTORIA - 08/04/2008
Cronache - Vittoria - Operazione della Guardia di Finanza

41 slot machine sequestrate:
mezzo milione di euro di multa

9 le persone denunciate tra gestori di bar e noleggiatori Foto Corrierediragusa.it

41 slot machine sequestrate. 9 denunce tra gestori di bar e noleggiatori delle macchinette e una multa complessia di mezzo milione di euro. E´ il frutto dell´attività di controllo del territorio ipparino da parte della Guardia di Finanza, su disposizioni del comandante provinciale Giovanni Monterosso. I controlli hanno riguardato in particolar modo Vittoria e Comiso. Nelle slot machine poste sotto sequestro erano contenuti oltre 30mila euro.

Le macchinette erano del tutto fuorilegge, essendo le caratteristiche completamente differenti rispetto quelle previste dalla recente regolamentazione legislativa, che consentivano consistenti entrate agli esercenti ed ai noleggiatori, lasciando ai giocatori solo vincite in danaro di modico valore.

Diversi degli apparecchi sottoposti a sequestro, se pur formalmente in regola, sono risultati, ad un più approfondito controllo, scollegati dalla rete telematica centralizzata dei Monopoli di Stato. Tale illecita condotta ha consentito al gestore di introitare le somme puntate senza che le stesse, ai fini della relativa tassazione, venissero rendicontate al totalizzatore nazionale.

Il fenomeno collegato alle «slot machine» illegali desta molta preoccupazione ed allarme sociale per i risvolti che produce nella vita dei singoli e delle famiglie giacché «il giocatore», spesso in preda ad una passione sfrenata, è alla ricerca continua di denaro da impiegare nella speranza di una vincita, arrivando a dilapidare, in tempi brevi, stipendi e pensioni.

Questo fenomeno del gioco d’azzardo, che non sfugge all’attenzione della Guardia di Finanza, infatti, colpisce in modo sempre più incisivo persone di non elevate condizioni economiche con gravi danni per le famiglie interessate, a tutto vantaggio comunque, di una criminalità senza scrupoli, spesso anche legata ad organizzazioni radicate nel territorio.

Pertanto, l’azione di contrasto portata avanti incessantemente dalla Guardia di Finanza riveste una duplice valenza positiva: da una parte, il recupero a tassazione di ingenti proventi altrimenti illecitamente sottratti; dall’altra un freno ad un fenomeno di vera e propria devianza, che coinvolge numerosissime persone, colpendo trasversalmente giovani ed anziani, ma sempre di modeste condizioni economiche.