Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1124
VITTORIA - 06/04/2013
Cronache - Un reato in continuo aumento

Violazione obblighi assistenza familiare, 6 denunce

Vittime di tale violazione, le donne che in regime di separazione non ricevono l’assistenza economica stabilita dal giudice

«Violazione degli obblighi di assistenza familiare», un reato in continuo aumento. Vittime di tale violazione, le donne che in regime di separazione non ricevono l’assistenza economica stabilita dal giudice. Il Commissariato di Vittoria ha denunciato 6 uomini che avrebbero disatteso l’obbligo dell’assistenza.

Nel caso in questione, sono state quattro donne ormai separate a denunciare i mariti. Coppie giovani, l’ex marito più anziano che è stato denunciato ha 35 anni, il più giovane ne ha soli 29. Volendo fare un po’ di statistica e di analisi sociologia, balza in evidenza la fragilità del matrimonio in questi ultimi tempi di crisi valoriale ed economica. Un dato che sottolinea l’impressionante facilità della coppia nel dire «sì» al prete davanti all’altare e «no» al giudice in un’aula di tribunale in casi di matrimonio e separazione. Anche le donne sono giovanissime, da 34 a 25 anni. Il commissariato fornisce anche i dati sulle famiglie: delle 3 coppie, una sola è senza figli, le altre ne hanno fino a 3. Sono state le donne, munite dei provvedimenti del giudice, a presentarsi in commissariato per denunciare gli ex. Rivendicano il diritto a ricevere la somma pattuita, per tutte di 250 euro mensili, che complessivamente sfiorano anche i 10 mila euro.

Molto più grave, dal punto di vista sociale e penale, l’altra denuncia sporta da una donna nei confronti del marito di 49 anni, coetaneo della moglie. L’uomo è stato denunciato per percosse alla congiunta con la quale convive da 25 anni. Motivo, a detta della Polizia, la perdita del lavoro e i troppi debiti accumulati. L’ultimo denunciato è un uomo che non si è rassegnato a perdere la donna con la quale conviveva da appena un mese. Il giovane di 29 anni ha cominciato a disturbare la ragazza di 22 anni e altri componenti del nucleo familiare.