Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1300
VITTORIA - 29/03/2013
Cronache - Operazione congiunta di Carabinieri e Polizia

Pusher sorpresi con un chilo di droga in auto

Si tratta di un etneo e di un albanese a bordo di una Nissa intestata a una società di Vittoria. I carabinieri di Acate hanno arrestato un minorenne tunisino che spacciava nei pressi di un Liceo di Vittoria

Un catanese e un albanese, entrambi a bordo di una Nissan Qashqai (di proprietà di una società vittoriese) che trasportano un chilo di marijuana, mille e 80 grammi per la precisione, in via Cavalieri di Vittorio Veneto. L’etneo che abita a Misterbianco è Davide Marchese, 36 anni; l’albanese Lutfi Kosei, 30 anni, residenza a Santena (Torino) di fatto domiciliato a Santa Croce Camerina. I due si ritrovano, chissà per quale destino, a spacciare droga a Vittoria. Sono stati arrestati nel corso di un’operazione congiunta di Carabinieri e Polizia di Vittoria.

Gli investigatori hanno sequestrato, oltre alla droga custodita in un sacchetto in cellophan, anche la somma, non proprio modica, di 3.440 euro che si ritiene possa essere il provento dell’attività di spaccio dei due presunti pusher. Nella macchina perquisita c’era anche un aggeggio metallico utilizzato per sminuzzare la droga prima di confezionarla.

La droga sequestrata verrà inviata presso il Laboratorio di Sanità pubblica dell’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa al fine di stabilirne l’effettiva composizione. Gli arrestati sono stati trasferiti nel carcere di Ragusa con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

I Carabinieri di Acate, invece, hanno colto in flagranza un ragazzo di 17 anni, studente tunisino, che spacciava droga in un istituto scolastico vittoriese. I militari lo hanno beccato mentre cedeva una stecca di hascisc di 2 grammi a un altro studente di 20 anni. Il contratto fra pusher e acquirente è avvenuto nei pressi dell’abitazione del tunisino, il quale ha prelevato da dietro un cespuglio la stecca per consegnarla.

I carabinieri acatesi hanno seguito la scena ed hanno immediatamente bloccato i due. Il baby-pusher aveva altri due grammi di droga in casa ed era in possesso di 45 euro. L’acquirente è stato segnalato alla Prefettura di Ragusa.