Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 799
VITTORIA - 26/03/2013
Cronache - Grave episodio criminale a Vittoria contro pensionata. Non hanno rubato nulla

Picchiano anziana per rapina e fuggono

Due malavitosi a volto coperto hanno minacciato con un coltello e soffocato col cuscino una pensionata. Ma in casa non c’era niente da rubare. La Polizia a caccia dei delinquenti
Foto CorrierediRagusa.it

Malavitosi spietati contro gli anziani. In due, volti coperti, accento tipico vittoriese, piombano in piena notte nella casa di un’anziana che vive da sola e la tengono nel terrore per almeno un’ora. Volevano i soldi, possibilmente quelli della pensione, ma hanno sbagliato il tempo, perché gli accrediti pensionistici avvengono nei primi giorni di ogni mese. I banditi se ne sono andati a mani vuote, ma la povera vittima ha preso una razione di botte e tanto di quel terrore che non potrà dimenticare per tutto il tutto tempo che vivrà. I lividi che porta alle braccia sono la prova delle percosse subite.

Siamo oltre il livello di guardia. Per contro le forze di polizia devono subire tagli di personale, di mezzi e di compensi straordinari. Ogni provvedimento legislativo adottato in ossequio alla spending review, che non risparmia neanche la sicurezza pubblica, gioca a favore dei delinquenti. Ed ecco l’accanimento contro anziani e soggetti deboli che fa paura e crea allarme sociale.

Qualche settimana fa un episodio del genere era successo in via Mentana, fra via Vicenza e via Brescia, vittima una coppia di pensionati; l’altra notte è accaduto ad una donna di oltre 70 anni che vive da sola all’inizio dello stradale per Scoglitti. I malviventi hanno scardinato una finestra laterale, sono entrati nell’appartamento cogliendo nel sonno la pensionata. I volti dei bruti erano coperti, ma la sventurata ha potuto capire dall’accento che si trattasse di malavitosi locali.

Per convincerla subito a prendere i soldi i due l’hanno malmenata, le hanno puntato un coltello e l’hanno tenuta immobile sul letto col cuscino sopra la faccia. Per circa un’ora i due bruti hanno messo a soqquadro la casa, con la donna inerme che cercava di far capire loro che nei cassetti non c’erano soldi perché la pensione non era stata ancora accreditata.

Quando i due si sono convinti che nell’abitazione non c’era nulla di valore da prendere, hanno chiuso la vittima in una stanza e sono usciti lasciando le chiavi a terra fuori della casa. La signora, ripresasi dallo choc, ha chiamato al cellulare la nuora ed è scattato l’allarme. Poco dopo sono arrivati gli agenti della volante di Polizia per ispezionare la casa. Gli specialisti della Scientifica hanno raccolto impronte e tutto ciò che può fornire elementi utili alle indagini.