Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1057
VITTORIA - 23/03/2013
Cronache - I Carabinieri bloccano due incensurati tunisini in partenza per Palermo

Un carico di bici e tv rubate a Scoglitti per la Tunisia

Dentro un furgone Mercedes «Vito» merce rubata per un valore di circa 10 mila euro
Foto CorrierediRagusa.it

Il carico di merce rubata nelle case estive di Scoglitti e dintorni, destinato ad essere rivenduto in Tunisia era pronto dentro un furgone Mercedes «Vito». Elettrodomestici di vario tipo (televisori, radio, impianto hi-fi, 11 biciclette di diverse misure e marche e altri oggetti di dubbia provenienza, per un valore complessivo di 10.000 euro circa, certamente asportate dalle abitazioni estive di Scoglitti e delle altre frazioni rivierasche del ragusano. I Carabinieri di Scoglitti e Vittoria lo hanno bloccato in tempo.

I due tunisini in possesso della merce, sottoposti a fermo di indiziato di delitto, sono Sami Turkia, 37 anni, e Nejib Nahali, 32 anni, il primo residente a Reggio Emilia, il secondo a Santa Croce Camerina, entrambi incensurati: non hanno saputo spiegare ai Carabinieri di Scoglitti la provenienza di quella merce. Sono accusati del reato di ricettazione. Nelle tasche avevano un biglietto per la partenza da Palermo destinazione Tunisia. Lì, il carico del valore di circa 10 mila euro, sarebbe forse finito in un bazar dell’usato e per i legittimi proprietari non ci sarebbe stata possibilità di recuperare i loro oggetti.

Quanto rinvenuto è il frutto di numerosi furti avvenuti in questo inverno nelle case estive disabitate. I militari dell’Arma sperano che i proprietari vedendo le immagini delle biciclette e dell´altra merce riconoscano i loro oggetti e si presentino in caserma. I due tunisini, il cui fermo dovrebbe essere trasformato in arresto, saranno rispediti nella loro nazione e non dovrebbero ritornare in Sicilia per i prossimi 3 anni, in ottemperanza al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione.