Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 965
VITTORIA - 20/02/2013
Cronache - Zone nevralgiche di Vittoria controllate dalla Polizia

Droga in autolavaggio e panineria: arresto e denuncia

Ai domiciliari il lavaggista Simone Failla; denunciato il ragusano gestore di chiosco panineria. Detenevano marijuana e hascisc
Foto CorrierediRagusa.it

Uno è stato arrestato, un altro solo denunciato, perché le responsabilità a suo carico sono di minore entità. Agli arresti domiciliari è finito il vittoriese Simone Failla (foto), 27 anni, gestore di un autolavaggio; il ragusano S. F., 32 anni, è stato denunciato in stato di libertà.

I provvedimenti adottati dalla Polizia di Vittoria, su disposizione del sostituto procuratore Monica Monego, a conclusione di un’attività di controllo straordinario del territorio voluto dal questore Giuseppe Gammino, nel pomeriggio di martedì, che ha visto impegnati 12 pattuglie di polizia con unità cinofile, alcune provenienti da Catania, nei punti nevralgici della città ipparina per controllare 96 persone e 43 automezzi. Nel corso di 4 perquisizioni locali sono stati sequestrati 50 grammi di sostanza stupefacente, 45 grammi di marijuana e 5 di hascisc.

Il ragusano è gestore di un chiosco panineria a Ragusa. Gli sono stati trovati 8 confezioni termosaldate con la marijuana dentro, due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento. Ai poliziotti ha detto che il bilancino serviva per pesare i panini ai clienti. Potrebbe subire la revoca della licenza alla somministrazione di alimenti e bevande.

Diversa la posizione di Failla. Dentro l’autolavaggio sono stati trovati 6 involucri di termosaldati con marijuana e hascisc. L’uomo teneva le dosi nascoste in diverse parti dell’autolavaggio, ma i cani antidroga hanno fiutato i nascondigli. Parte dello stupefacente era detenuto presso la sua abitazione. E’ stato tratto in arresto e come disposto dall’autorità giudiziaria messo ai domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.