Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1096
VITTORIA - 24/01/2013
Cronache - Lotta all’evasione fiscale da parte della Guardia di finanza

Un milione di euro evasi da 2 società edili di Vittoria

Il sospetto di violazioni nasce dal riscontro tra le disponibilità dei soggetti controllati, il loro effettivo tenore di vita e le loro dichiarazioni

Una maxi evasione di un milione di euro. La Guardia di Finanza ha appena concluso due verifiche fiscali nei confronti di altrettante società vittoriesi operanti nel settore dell’edilizia. Le operazioni hanno riguardato la verifica sostanziale del pagamento delle imposte.

Il sospetto di violazioni nasce dal riscontro tra le disponibilità dei soggetti controllati, il loro effettivo tenore di vita e le loro dichiarazioni. L’attività ha consentito anche di accertare che sono state poste in essere gravi violazioni inerenti la presentazione delle dichiarazioni annuali delle imposte sui redditi e sull’iva.

Secondo quanto constatato dai finanzieri della Tenenza di Vittoria infatti, una delle due società negli anni dal 2007 al 2010 non ha presentato alcuna dichiarazione fiscale e nel 2011 pur ottemperando a tale obbligo ha presentato una dichiarazione infedele in quanto ha inserito dei costi non documentati, mentre l’altra società nel 2010 ha presentato dichiarazioni fiscali infedeli e nel 2009 ha totalmente omesso la presentazione delle dichiarazioni stesse.

Il primo passo compiuto dai militari durante l’accesso, ha riguardato la richiesta agli imprenditori di tutta la documentazione fiscale obbligatoria, libri, registri e scritture contabili obbligatorie. La documentazione esibita è stata acquisita e minuziosamente esaminata, potendo stabilire che le imprese hanno fatto complessivamente evasione all’Iva pari a circa 50mila euro, ha sottratto ad imposizione ricavi per circa un milione di euro e portando in deduzione costi non documentati per circa 190mila euro.