Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 902
VITTORIA - 09/01/2013
Cronache - Non si fermato all’alt della Polizia, bloccati in via Plebiscito

Inseguimento a Scoglitti, denunciato minorenne

Nella Fiat Panda c’erano due minori. Il conducente era in possesso di un grammo di hashish. Arrestato tunisino, deve scontare 4 anni di carcere
Foto CorrierediRagusa.it

Non si fermano all’alt della Polizia e vengono raggiunti dopo un pericoloso inseguimento per le vie di Scoglitti. E’ successo l’altra notte in via Augusta. La pattuglia della volante ha intercettato una Fiat Panda che circolava alle 3,30 con due persone a bordo che hanno destato sospetti. Gli agenti hanno intimato l’alt, ma il conducente della Panda anziché fermarsi ha accelerato per fuggire. E’ stato avviato un pericoloso inseguimento che non ha fatto registrare danni solo perché a quell’ora per le vie di Scoglitti non c’erano passanti né altri veicoli.

L’inseguimento della polizia si è concluso in via Plebiscito, quando il conducente della Panda è andato a sbattere contro un marciapiede danneggiando seriamente la macchina, tanto da doversi fermare. A bordo c´erano due sedicenni.

Il conducente, V.G., naturalmente senza patente data la minore età, è stato trovato anche con un grammo di hashish addosso e per tale motivo è stato segnalato alla Prefettura come assuntore di droga. Per quanto riguarda la guida senza patente è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica.

Agenti del Commissariato, inoltre, hanno arrestato Lotfi Alim Ben Ahmed (foto), tunisino 29enne, già ai «domiciliari» perché condannato dal Tribunale di Ragusa a quattro anni di reclusione e 18.000 euro di multa per il reato di spaccio di stupefacenti. Considerato che il 26 dicembre scorso era stato arrestato dai poliziotti del Commissariato per il reato di evasione, la seconda sezione penale della Corte di appello di Catania ha deciso di revocare la misura degli arresti domiciliari sostituendola con quella della custodia cautelare in carcere.