Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 985
VITTORIA - 21/12/2012
Cronache - Ordinanza del sindaco Nicosia restringe le aree di vendita

Commercio selvaggio, zone off-limits a Vittoria

Sanzioni pesanti per chi non rispetta la volontà dell’amministrazione tesa a mettere ordine nella giungla dell’ambulantato

Si restringe l’area urbana dove potere effettuare il commercio ambulante nella città di Vittoria e nella frazione di Scoglitti. Un nuova ordinanza del sindaco Giuseppe Nicosia azzera le precedenti e amplia la zona off limits. Tra le novità del provvedimento, l’ampliamento della zona in cui è vietato l’esercizio del commercio in forma itinerante. Diventano «off limits», infatti, il quadrilatero compreso tra le Vie Roma, Gaeta, Dei Mille e Curtatone e le Piazze Italia, Vittoria Colonna, Enriquez, Ricca, Giordano Bruno, Daniele Manin, Cavour, Sorelle Arduino e Castelli a Scoglitti.

L’ordinanza obbliga, con decorrenza immediata «per i motivi riconducibili a ragioni di pubblico interesse, decoro, igienico-sanitarie e di viabilità, è tassativamente vietato l’esercizio del commercio itinerante su aree pubbliche all’interno del quadrilatero delimitato dalle seguenti vie: Roma, Gaeta, Dei Mille e Curtatone; è, altresì, tassativamente vietato l’esercizio del commercio itinerante su aree pubbliche nelle seguenti Piazze cittadine ancorché ubicate fuori dal quadrilatero viario: A Vittoria: Italia, Vittoria Colonna, Enriquez, Ricca, Giordano Bruno e Daniele Manin. A Scoglitti: Cavour, Sorelle Arduino, Castelli; fermo restando il rispetto delle norme igienico-sanitarie e del Codice della Strada, il tempo massimo di sosta per l’esercizio dell’attività in forma itinerante fuori dalle zone indicate alle superiori».

Inoltre, l’ordinanza fa obbligo agli ambulanti che effettuano la «sosta» «di compilare un foglio giornaliero con l’indicazione dell’ora d’inizio di ogni singola sosta e di esibirlo a richiesta degli organi di vigilanza; la distanza tra una «sosta» e la successiva non deve essere inferiore a metri 400; una determinata area di «sosta» dev’essere utilizzata esclusivamente una sola volta nell’arco della giornata; è severamente vietato durante la «sosta» depositare sul suolo pubblico qualsiasi merce, attrezzatura e quant’altro possa costituire ingombro o intralcio alla circolazione e viabilità».

Le violazioni saranno punite con sanzioni piuttosto pesanti. La Direzione Polizia Municipale e le forze dell’ordine dello Stato sono incaricati di vigilare sull’esatta esecuzione della presente ordinanza.


E gli abusivi?
24/12/2012 | 19.21.32
Stefano Battaglia

Appare singolare, seppur motivata, l´ordinanza che delimita il commercio itinerante dei venditori ambulanti "regolari" mentre si tollerano gli abusivi sempre in sosta anche all´interno del quadrilatero in questione.
E´ così che s´intende tutelare i legittimi interessi di quegli operatori commerciali che pagano le dovute tasse o un nuovo modo d´intendere la legalità?


Caos commerciale
24/12/2012 | 5.08.03
bertoldino

E le rivendite abusive di frutta e verdura sul marcipiede delle zone blu, in violazione di ogni norma amministrativa, igienica e fiscali, che i VV.UU. non vedono né sanzionano mai?