Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 822
VITTORIA - 07/12/2012
Cronache - Romeno incensurato bloccato all’Eurospin

Ruba liquori e aggredisce i poliziotti, arrestato

Non solo bisogni di prima necessità, anche l’alcol oggetto di furti nei market Foto Corrierediragusa.it

Entra in colluttazione con gli agenti di Polizia per due bottiglie di liquore rubate fra gli scaffali del supermercato Eurospin sito sullo stradale per Scoglitti e viene arrestato. Protagonista dell’incredibile episodio, un romeno di 25 anni, Ion Florin (foto), incensurato, accusato di furto, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Gli agenti, infatti, hanno riportato contusioni alle braccia e alle gambe nel tentativo di bloccare il romeno che tentava la fuga dopo essersi liberato di una bottiglia di liquore accanto alle macchine in sosta nel piazzale del market.

La Polizia è intervenuta su segnalazione dei gestori del market, che avevano notato il romeno impossessarsi delle bottiglie e di andare via senza passare dalla cassa. Molte volte, riferiscono gli inquirenti, i titolari di market non denunciano persone che s’impossessano di alcuni beni di prima necessità, come pasta e latte, ma stavolta, trattandosi di liquore, un bene di consumo di cui si può fare a meno, hanno deciso di fare intervenire la Polizia.

L’accaduto, che segue altri interventi delle forze dell’ordine nei confronti di cittadini che si impossessano di prodotti alimentari dentro i supermercati, senza pagare, denota il disagio sociale che vivono in questo momento alcuni soggetti che non hanno la possibilità di fare la spesa per mangiare. Da più parti vengono segnalati casi di persone che girano fra gli scaffali dei market, aprono le confezioni di prodotti e si nutrono senza lasciare traccia di ciò che hanno mangiato. Fatti che si commentano da soli e che mettono in luce l’aumento della povertà ogni giorno di più.