Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 935
VITTORIA - 06/12/2012
Cronache - Delicato intervento chirurgico al «Guzzardi» di Vittoria

Evitata l’invalidità a donna 56enne

L’équipe di Chirurgia e Ginecologia ha estratto la massa di grasso a una donna che rischiava gravi complicazioni di tipo digestivo, cardiaco, circolatorio e renale

Una massa di grasso di 10 chilogrammi è stata asportata dall’addome di una paziente di 56 anni a Vittoria. Ad eseguire il delicato intervento chirurgico, l’équipe di Chirurgia generale e l’équipe di Ginecologia dell’ospedale «Guzzardi» dirette dai primario Maurizio Carnazza, composta dal chirurgo dott. Di Pietro e dall’anestesista dott. Pizzardi.

Si tratta di un caso eccezionale che ha richiesto una delicata e complessa operazione chirurgica. La paziente si è presentata in ospedale con tutti gli organi addominali compressi e dislocati dalla voluminosa massa di 10 chili, capsulata, che le impediva di svolgere gran parte delle attività quotidiane causando anche gravi complicanze di tipo digestivo, cardiaco, circolatorio e renale.

«Sono eventi molto rari – afferma il primario chirurgo Maurizio Carnazza – e nel mondo ne sono descritti pochissimi casi, particolarmente per le dimensioni e il peso della massa stessa; sono nello stesso tempo patologie molto invalidanti per il paziente». Un caso di buona sanità, quindi, in un ospedale di provincia e del sud. L’intervento, particolarmente complesso per il volume della massa e per le aderenze con gli organi addominali e pelvici adiacenti ad essa (utero, ovaie ecc.), infatti si è reso possibile grazie anche alle sofisticate tecnologie utilizzate in sala operatoria. A pochi gironi dall’intervento la paziente è stata dimessa e adesso si trova a casa in buone condizioni generali.


Un caso di buona sanità
07/12/2012 | 15.34.35
Luca Scollo

"Un caso di buona sanità, quindi, in un ospedale di provincia e del sud" si legge nell´articolo...capisco cosa voglia significare e capisco la volontà del giornalista di volere parlare bene di un evento positivo sottolineando che si fa buona sanità anche da noi, io però vorrei sottolineare ancora con più forza che da noi (prov. di RG) si fa quotidianamente ottima sanità, quella buona sanità che non fa notizia. Ogni giorno si SALVANO VITE UMANE e ci si prodiga anche quando non ci si riesce perchè c´è un´alta professionalità ed un´elevata capacità di andare incontro alle persone e soprattutto alle persone che soffrono in questa provincia detta "babba". Sarei felice se, magari, si cercasse ogni giorno di dare evidenza, su queste pagine, a episodi di buona sanità, magari andandoli a cercare:"Dottore, chi avete salvato oggi?", ai pronto soccorso, in chirurgia, in ostetricia,ecc e ne sentireste delle belle!
Perchè ho voluto scrivere questi pensieri? Semplicemente perchè sono stanco di vedere, sentire, trovare sempre e solo il cattivo in prima pagina. Grazie