Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 898
VITTORIA - 23/11/2012
Cronache - Operazione "I love shopping della polizia"

Prese 2 donne incubo dei commercianti

Le due ladre facevano il colpo con destrezza e sparivano nel nulla Foto Corrierediragusa.it

Erano diventate il terrore di commercianti vittoriesi. Facevano il colpo con destrezza e sparivano nel nulla. Dal 12 giugno al 27 settembre del 2012 avrebbero compiuto furti in ben 5 esercizi commerciali dediti alla vendita di bomboniere, prodotti dolciari, pelletteria e articoli da regalo per la casa. Il primo colpo il 12 giugno, gli altri il 4, 10, 25 e 27 settembre. Tutti con le stesse modalità d’azione. Ma, come si dice, tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino! Le due donne sono state smascherate e arrestate (ai domiciliari) dalla Polizia di Vittoria. Sono Lorena Martinez, 22 anni, e Angela Carvana, 27 anni. Entrambi vittoriesi, incensurate ma con legami affettivi con gente nota agli uffici investigativi. Dopo le laboriose indagini condotte dagli uomini del Commissariato di Vittoria, il sostituto procuratore Federica Messina ha chiesto e ottenuto dal gip Claudio Maggioni la misura cautelare: in casa, ma meglio che niente.

Questo il modus operandi della due donne. Entravano nei locali presi di mira spesso con passeggino e bimba al seguito, al cui interno vi era quasi sempre solo la negoziante o la commessa di turno. Una volta all’interno, le due malviventi, fingendo di essere potenziali clienti, agivano distraendo dapprima l’attenzione della negoziante/commessa, intrattenuta con generiche richieste di informazioni sulla merce esposta sicché una delle due complici poteva liberamente girovagare all’interno del negozio ed una volta avuta cognizione dell’esatta composizione dei locali, procedeva ad asportare quanto di interesse, quasi sempre la borsa o gli effetti personali della negoziante/commessa ignara di quanto stava accadendo. Dal timbro della voce e dalle foto esibite dai poliziotti, le presunte ladre sono state riconosciute dalle vittime, a cui venivano asportate anche carte di credito poi utilizzate per prelevare soldi.