Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 645
VITTORIA - 15/11/2012
Cronache - Vittoria: pena da scontare in carcere

Noto torna in carcere: minacce ad ex convivente

Era agli arresti domiciliari e lavorava in un’azienda agricola. Ha abbandonato il lavoro per recarsi dalla ex con fare minacciaoso
Foto CorrierediRagusa.it

Roberto Noto (foto), 35 anni, nel 2010 venne arrestato perché gli trovarono a casa una pistola con matricola abrasa sotto la culla del suo bambino. Subito dopo ammesso agli arresti domiciliari e infine, da qualche settimana, gli è stata concessa la possibilità di riscatto totale permettendogli di lavorare presso un’azienda agricola in qualità di bracciante. E’ stato di nuovo arrestato dalla Polizia e riportato in carcere su disposizione del magistrato di sorveglianza per violazione dei benefici che gli erano stati accordati.

L’uomo vanta un curriculum di rispetto nell’ambiente criminale: associazione di tipo mafiosa, reati contro la persona in materia di armi e sorvegliato speciale. Stava scontando una pena di 2 anni e 4 mesi per il ritrovamento della pistola sotto la culla, ma l’altro giorno ha lasciato il posto di lavoro con un’ora di anticipo e si è recato presso il domicilio della ex convivente, dove è stato trovato dagli agenti della volante mentre minacciava e insultava la donna. Per tale reato il magistrato gli ha revocato i benefici e lo ha ricondotto in carcere.