Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 844
VITTORIA - 05/11/2012
Cronache - Tornano i "tappi" ai danni dei commissionari

Ancora una truffa al mercato di Vittoria

La Guardia di finanza di Ragusa, che ha scoperto l’imbroglio, coglie l’occasione per lanciare un appello a tutti i contribuenti e operatori onesti che possono essere oggetto di truffe Foto Corrierediragusa.it

Prima si è conquistato la fiducia con acquisti e pagamenti puntuali alla scadenza. Dopo ha cominciato ad comprare sempre di più e a pagare sempre di meno. Con la scusa della crisi e della mancanza di liquidità scadenze dei pagamenti e arrivato al «pagherò» mai! Fino a compiere il «tappo» e sparire dalla circolazione. Con questo sistema vecchio quanto il commercio, S.G., 57 anni, commerciante calabrese, ha truffato 9 dei 74 concessionari del mercato di Fanello per un importo di 184 mila euro.

Sicuri di avere a che fare con un commerciante solvibile e onesto, grazie alla fiducia che il calabrese s’era conquistata, i concessionari continuavano a fornire merce e a concedere la dilazione. Fiutato il «tappo» hanno denunciato il caso alla Guardia di finanza, che stavolta è intervenuta per salvaguardare la posizione dei commissionari, spesso nell’occhio del ciclone per via delle concessioni comunali per l’apertura dei box e della regolarità nei rapporti di compravendita. I finanzieri attraverso le loro indagini hanno accertato che S.G. stava compiendo un vero e proprio raggiro nei confronti degli operatori mercatali. Il commerciante vendeva regolarmente la merce prelevata in fiducia e intascava il corrispettivo. Ai commissionari, però, chiedeva la dilazione dei pagamenti. L’uomo è stato denunciato per truffa all’autorità giudiziaria.

Il fenomeno truffe al mercato e l’incubo dei commissionari e in qualche caso anche dei produttori. Quest’ultimo smascherato dalla Guardia di finanza è di modeste dimensioni, ma in passato ha toccato cifre milionarie tanto da mettere a rischio fallimento e chiusura attività diversi commissionari ortofrutticoli che erano andati oltre i limiti nell’accordare fiducia ai compratori.

La Guardia di finanza di Ragusa coglie l’occasione per lanciare un appello a tutti i contribuenti e operatori onesti che possono essere oggetto di truffe e/o di altre condotte di concorrenza sleale, di riferirsi ai Comandi del Corpo su tutta la provincia e al 117, numero di telefono gratuito e attivo 24 ore su 24, per avere una pronta tutela alle proprie ragioni.

Nella foto in alto i finanzieri all´ingresso del mercato ortofrutticolo di Fanello a Vittoria