Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 740
VITTORIA - 02/11/2012
Cronache - Due arresti della Polizia in altrettante, distinte operazioni

Manette per Di Stefano e Gravina

I due soggetti erano tenuti sotto controllo Foto Corrierediragusa.it

La libertà di Biagio Gravina, 40 anni, sorvegliato speciale con molti precedenti alle spalle, è durata qualche mese. E´ ritornato in cella. E’ stato arrestato dalla Polizia a Scoglitti, che ha eseguito il provvedimento di esecuzione restrittiva relativo al computo delle pene concorrenti. Gravina deve stare in carcere per 5 anni, 5 mesi e 27 giorni. Inoltre deve pagare una multa di 2064 euro. In più gli è stata data anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e la libertà vigilata per 3 anni. Grave l’ultimo reato di cui s’è macchiato: tentata estorsione, lesioni personali e porto ingiustificato di armi.

Due anni fa minacciò con un coltello e aggredì fisicamente, provocandogli lesioni, un uomo di 57 anni che qualche mese prima aveva avuto un incidente stradale con la moglie di Biagio Gravina. La vittima aveva ottenuto un risarcimento danni pari a 1.600 euro per i danni subiti dal suo veicolo.

Fin qui tutto normale. Ma a distanza di qualche mese dal sinistro, Gravina ha preteso ingiustamente parte del denaro di quel risarcimento, perché lamentava l’aumento del premio assicurativo dell’auto della moglie causato dal sinistro. Gravina era stato arrestato in flagranza per i reati di tentata estorsione, lesioni personali e porto ingiustificato di armi durante il periodo in cui lo stesso Gravina era altresì sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Vittoria.

Il secondo arresto operato dalla Polizia, è avvenuto a Vittoria e riguarda un sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno. Si tratta di Salvatore Di Stefano, vittoriese di 30 anni, plurpregiudicato per reati contro il patrimonio e stupefacenti. Nella serata di giovedì si è recato presso l’abitazione della sua ex convivente, dalla quale ha avuto due bambine, ed ha iniziato a minacciarla per motivi di gelosia. Si è altresì posto dinanzi la porta di casa dicendole che non sarebbe potuta uscire altrimenti avrebbe ammazzato lei ed avrebbe percosso chiunque fosse venuto a prenderla. La giovane donna, 21enne, è stata costretta a chiamare 113. I poliziotti intervenuti tempestivamente hanno trovato l’uomo ancora intento a minacciare. E’ stato arrestato per violenza privata.

Nella foto da sx Biagio Gravina e Salvatore Di Stefano