Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1373
VITTORIA - 01/11/2012
Cronache - In un «centro culturale» sito nei pressi di piazza Senia

A Vittoria si fuma la pipa ad acqua

Il gestore non ha saputo fornire la provenienza del tabacco confezionato in scatole da 100 grammi. Dovrà pagare multa pari a 5 euro al grammo Foto Corrierediragusa.it

A Vittoria va di moda fumare «narghilè», la famosa pipa ad acqua tanto diffusa nella cultura araba. La Guardia di finanza irrompe in un locale definito «circolo culturale» ubicato nei pressi di piazza Senia, ormai quartiere residenziale tunisino, è sequestra 7 chili di tabacco per narghilè. Il locale è di solito frequentato da cittadini di origine straniera che fanno largo utilizzo della pratica del narghilè.

I finanzieri di Vittoria insospettiti dalla grande quantità di fumo all’interno del locale, sono entrati e hanno trovato nel «retrobottega» un grande sacco di plastica contenente il tabacco: era confezionato in scatole da 100 grammi l’una e di evidente provenienza estera. Il gestore del locale non ha saputo giustificare la provenienza del tabacco e non ha avuto nulla da dichiarare.

Il tabacco è stato posto sequestrata ed il gestore denunciato per contrabbando di tabacchi lavorati esteri. La che dovrà pagare è abbastanza salata, circa 5 euro per ogni grammo di prodotto introdotto fraudolentemente nel territorio dello Stato.

La pipa ad acqua- affermano i finanzieri- tipico strumento nella cultura dei paesi arabi, sta conoscendo per vari motivi una larga diffusione anche sul nostro territorio per le sue qualità. Il narghilè è oggi perfettamente legale, sempre che venga alimentato con prodotto acquistato nelle regolari tabaccherie.