Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 865
VITTORIA - 27/10/2012
Cronache - Interviene la Polizia per bloccare un caso di stalking

Spedizione punitiva con bastonate

Lui 45 anni, lei 51, vicina di casa. Il Il figlio della donna e altri due amici irrompono nella casa del molestatore e gli rompono la testa con un bastone: denunciati
Foto CorrierediRagusa.it

Ci prova inutilmente con la vicina di casa di 51 anni, 5 anni più grande di lui, e la perseguita con pedinamenti, telefonante, messaggi dal contenuto osceno e offensivo lasciati sul parabrezza della macchina della donna. Un modo singolare per corteggiare una donna e rimanere vittima della spedizione punitiva organizzata dal figlio di questa, G. G., vittoriese di 34 anni.

L’uomo, G.P., è finito in ospedale per farsi medicare la ferita provocata da una bastonata alla testa sferratagli dal figlio della donna, che si è presentato in casa sua insieme ad altre due persone per «convincerlo» a smettere lo stalking nei confronti della madre, stanca ed esasperata al punto da dover modificare le proprie condizioni di vita. Un desiderio non corrisposto ma mai spento, se è vero che la storia della persecuzione perdura dal 2003, da quando G.P. cominciò a farsi notare in maniera troppo eccentrica dalla donna.

L’altro giorno la svolta. Il ferito chiama la Polizia per denunciare di essere stato aggredito da 3 uomini all’interno della sua abitazione sita in una zona popolare della città. Racconta che i 3, uno dei quali conosciuto, hanno sfondato la porta della sua abitazione per aggredirlo. Uno del terzetto lo ha colpito con il bastone alla testa prima di andare via.

Gli agenti della volante sulla base delle descrizioni fornite, hanno identificato G.G., figlio della donna perseguitata, e D.P., vittoriese di 30 anni, corresponsabile dell’aggressione. I due sono stati denunciati alla Procura della Repubblica. Anche chi ha preso la bastonata è stato segnalato all’autorità giudiziaria sulla base della denuncia sporta dalla donna. Il caso non è ancora chiuso, perché la Polizia sta cercando di individuare il terzo soggetto che ha partecipato alla spedizione punitiva.