Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Maggio 2018 - Aggiornato alle 16:31
VITTORIA - 17/10/2012
Cronache - In un esercizio pubblico alla periferia di Vittoria

La vincita al videopoker non arriva, quasi rissa al bar

E’ intervenuta la Polizia per sedare gli animi, ma l’aggeggio era in regola. Altri due noleggiatori sanzionati per violazione delle norme sull’installazione

Ancora videopoker. Aggeggi infernali che portano sul lastrico uomini e donne di qualsiasi età. L’attesa vincita che non arrivava ha provocato quasi una lite fra il giocatore e il titolare di un bar. Una discussione animata che si è protratta dalle 8 del mattino fino alle 11,30. C’è voluta la Polizia per sedare gli animi e riportare la calma. Il giocatore, un uomo di 40 anni, aveva perso la calma ed inveiva contro il titolare del bar. Dalle 8 del mattino giocava ad un videopoker attendendo una vincita che non arrivava mai; poi all’improvviso era andata via l’energia elettrica ed il congegno si era spento. Tornata la corrente il titolare del bar lo aveva riavviato ma il giocatore riteneva di avere azzerato le possibilità di vincita ed era andato in escandescenza. Gli agenti hanno riportato la calma ed hanno accertato in questo caso che il videogioco era correttamente installato.

Ma ci sono anche quelli installati in violazione delle norme vigenti. La Polizia ha sanzionato il titolare di una impresa di distribuzione delle macchinette videogioco. Non era stato installato nel rispetto delle norme vigenti. Il titolare della licenza è obbligato quanto il soggetto che le tiene in esercizio nella sala giochi o nel bar, al rispetto delle norme di legge stabilite in maniera. All’esito degli ulteriori accertamenti volti ad individuare il noleggiatore, sono scattate le sanzioni amministrative. Nel complesso le infrazioni sono 2 e le sanzioni amministrative consistono nel pagamento di una somma di denaro 6.666 euro.