Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 905
VITTORIA - 21/08/2012
Cronache - Grazie a servizi svolti sia a terra che in mare

Pesca di frodo nel mirino dei Carabinieri, elevati verbali

I Carabinieri dell’unità navale dell’Arma hanno, inoltre, controllato il pescato all’atto della vendita, impedendo che il pesce possa essere alienato senza essere etichettato per garantirne la tracciabilità Foto Corrierediragusa.it

La pesca di frodo di novellame di pesce spada sotto misura è stata controllata e repressa grazie a servizi svolti sia a terra che in mare, con attività sotto copertura di osservazione in orari notturni coordinate con operazioni in mare. I carabinieri della compagnia di Vittoria hanno effettuato servizi a terra nella pescheria comunale dove alcuni commercianti non autorizzati effettuavano la vendita e la manipolazione del pescato. I militari con questo servizio hanno anche chiuso una serie di risse che scaturivano nei confronti dei non autorizzati, minacciando l´ordine pubblico.

I Carabinieri dell’unità navale dell’Arma hanno, inoltre, controllato il pescato all’atto della vendita, impedendo che il pesce possa essere alienato senza essere etichettato per garantirne la tracciabilità; ciò a garanzia della provenienza e della qualità dello stesso. Negli ultimi due mesi sono state denunciate a piede libero 8 persone per pesca di frodo di novellame di pesce spada sotto misura, sequestrati circa 400 kg. di pesce, successivamente donato, d’intesa con l’autorità giudiziaria, ad istituti di beneficenza, religiosi ed orfanotrofi.

Sono state denunciate a piede libero 3 persone per frode alimentare e commercializzazione di 28 kg di pesce in cattivo stato di conservazione, sequestrato e in questo caso distrutto presso una ditta specializzata. Denunciati 3 diportisti per avere effettuato acrobazie a bordo di acquascooter sotto costa, elevate sanzioni per 5mila 760 euro. Sono stati controllati nei confronti di 7 stabilimenti balneari con la contestazione di 16 verbali per complessivi 16mila 512 euro di sanzioni.


21/08/2012 | 9.52.53
Marco

Quando non ci sara´ piu´ pesce in mare cosa faremo? Non e´ che ci voglia la laurea per capirlo!