Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 745
VITTORIA - 14/08/2012
Cronache - Vittima un algerino di 43 anni, ucciso in un casolare di contrada Trazzera Surdi

VIDEO: ammazza barbone per difendere onore zia

Determinanti ai fini dell’arresto di Marcel Gheorghe Ursache le dichiarazioni fornite agli investigatori da 2 donne romene interrogate subito dopo il ritrovamento del cadavere
Foto CorrierediRagusa.it

Ha confessato l´omicida del clochard algerino di 43 anni Miloud Halilov, verificatosi all´1.45 della notte tra giovedì e venerdì scorsi all’interno di un vecchio casolare abbandonato di contrada Trazzera Surdi, nei pressi della stazione ferroviaria di Vittoria.



Marcel Gheorghe Ursache (nella foto sopra con i poliziotti sul luogo dell´omicidio nel vecchio casolare), 27 anni, ha confessato l´ omicidio del barbone, dopo che, in un primo tempo, aveva tentato di negare le responsabilità. Determinanti ai fini dell´arresto erano state le dichiarazioni fornite agli investigatori dalle due donne romene, testimoni dell´efferato delitto, interrogate subito dopo il ritrovamento del cadavere dell´algerino, con il quale condividevano il casolare teatro della rissa mortale, scoppiata per questioni di sesso tra la vittima e il romeno.

Il romeno e l´algerino avevano bevuto parecchio ed erano entrambi ubriachi. Ad un certo punto Miloud avanza, ridacchiando, una richiesta eccessiva al romeno. Senza troppi giri di parole, difatti, l´algerino chiede a Ursache  se, pagando, ci sarebbe la possibilità di fare sesso con la zia, che poi era una delle due romene presenti nel casolare e che hanno assistito ai fatti. Parole buttate lì forse solo per scherzo ma che fanno scattare improvvisa la follia omicida del romeno, che, per difendere l´onore offeso della zia, massacra letteralmente di botte l´algerino.

Pare che Ursache abbia picchiato selvaggiamente l´algerino servendosi di una sorta di pedana di legno, molto pesante, con la quale ha provocato ferite mortali alla testa e al collo, non concedendo scampo al povero barbone. Il romeno si era poi dato alla fuga, una fuga conclusasi ieri pomeriggio con l´arresto. I poliziotti hanno trovato Ursache nel letto della sua precaria abitazione, dove stava smaltendo gli ultimi fumi della sbornia, come se nulla fosse successo.

Le indagini sono state condotte in maniera congiunta dalla Squadra mobile di Ragusa, diretta dal vice questore aggiunto Francesco Marino, e dal commissariato di Polizia di Vittoria, coordinato dal vice questore Emanuele Giunta, il primo a recarsi in piena notte nel casolare teatro del delitto, nell´ambito dell´inchiesta diretta dal sostituto procuratore Marco Rota, con il coordinamento del procuratore di Ragusa Carmelo Petralia.

Il barbone algerino non avrebbe mai dato fastidio a nessuno e pare vivesse di espedienti e della carità altrui. Il cadavere del romeno era stato scoperto a seguito di una telefonata anonima al 118. Per la povera vittima non c’era più nulla da fare, a causa della ferita mortale all’addome.  Marcel Gheorghe Ursache si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa.