Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 953
VITTORIA - 22/07/2012
Cronache - Potrebbero essere stati 4 gelesi in trasferta nella frazione vittoriese

In 4 a volto coperto e armati rapinano una pescheria

Armati di pistole e fucile hanno razziato 1.500 euro, assegni e un cellulare, dopo avere immobilizzato 4 dipendenti. Durante la fuga un bandito è inciampato facendo partire un fucilata a pallini
Foto CorrierediRagusa.it

Rapina a mano armata alla rivendita di pesce all’ingrosso «Pesca mare» di Scoglitti, che si trova vicino alla rotatoria da poco inaugurata che congiunge la frazione con Santa Croce Camerina e Vittoria. Sabato pomeriggio 4 individui tutti vestiti con tuta blu da meccanico e calzamaglia al volto, si sono presentati all’interno del locale con l’intento di compiere una rapina. Impugnagano due pistole e un fucile a canna lunga.

Sotto la minaccia delle armi, i banditi hanno raggruppato i dipendenti, in tutto 4, li hanno fatti sdraiare per terra ed hanno razziato un bottino di circa 1.500 euro, alcuni blocchetti di assegni e un cellulare. Fatto il colpo i malviventi sono fuggiti con il furgone Renault col quale erano arrivati. Durante la fuga il bandito che impugnava il fucile è caduto a terra prima di salire in macchina facendo partire accidentalmente un colpo di fucile caricato a pallini, ma non ci sono stati feriti. Secondo le testimonianze delle vittime, i quattro banditi in quei pochi minuti della rapina si sono espressi con accento gelese.

Le indagini del grave fatto delittuoso, che chiude una settimana tragica per via della sparatoria di via Adua e per l’omicidio di Francesco Nigito, vengono svolte dai Carabinieri di Vittoria. I militari qualche ora dopo la rapina hanno ritrovato il furgone Renault completamente bruciato nei pressi del ponte Dirillo, sulla statale Vittoria-Gela.