Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1322
VITTORIA - 19/07/2012
Cronache - Vasto giro di fertilizzanti tossici prodotti illegalmente a Napoli

Fitofarmaci tossici: arrestato un vittoriese di 49 anni

Altre due persone di Vittoria risultano indagate

Ci sono anche tre vittoriesi coinvolti nel vasto giro di fitofarmaci tossici prodotti illegalmente a Napoli e venduti sottocosto anche come fertilizzanti per ortaggi. Un arresto è scattato a Scoglitti e altri due vittoriesi sono stati iscritti nel registro degli indagati nell’ambito delle indagini condotte dai Carabinieri sul traffico internazionale di fitofarmaci illegali, che venivano prodotti a Napoli con sostanze tossiche importate da Cina e Spagna e rivenduti in Italia e in Europa, compresa la provincia di Ragusa.

La circostanza è stata accertata dai Carabinieri, che, nel Ragusano, hanno arrestato un vittoriese di 49 anni. All’uomo sono stati concessi i domiciliari nella sua abitazione tra Vittoria e Scoglitti. Il vittoriese, di cui non sono al momento state rese note le generalità, è accusato di ricettazione e commercializzazione abusiva di prodotti fitosanitari e fitofarmaceutici. Altri due vittoriesi di 55 e 46 anni, come accennato, sono invece stati iscritti nel registro degli indagati.

Un altro arresto è scattato a Brescia. Sono in tutto 24 le ordinanze di custodia cautelare, di cui 7 in carcere e 11 ai domiciliari. Sono state eseguite perquisizioni a Caserta, Foggia, Bari, Treviso, Brescia, Ragusa e Salerno, con il sequestro di 2mila 500 etichette contraffatte, 10mila libretti di istruzioni falsi, mille 663 flaconi di fitofarmaci non conformi alla normativa, 4 computer e documentazione contabile riferibile all´attività dell´organizzazione. La magistratura ha anche emesso un decreto di sequestro preventivo di quattro società, decine di conti correnti, quote societarie e beni di aziende come autoveicoli e furgoni.