Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 904
VITTORIA - 06/07/2012
Cronache - Caffè Samarani a Milano, Babilonia Caffè a Olbia e albergo "Faro" in Costa Smeralda

Hotel e 2 bar sequestrati ai fratelli vittoriesi D´Agosta

La compartecipazione nelle proprietà dei due fratelli vittoriesi, in carcere perchè condannati per associazione mafiosa, ammonta a 5 milioni di euro

Due bar (uno a Milano e uno a Olbia), un hotel di lusso, sempre a Olbia, un´auto di grossa cilindrata, beni riconducibili a due esponenti della famiglia mafiosa dei D´Agosta, i fratelli Carmelo e Gianfranco, già condannati in via definitiva per associazione mafiosa.

I beni sequestrati, grazie al fatto che i due fratelli D’Agosta sono stati condannati in via definitiva, ammontano a cinque milioni. L’operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Milano, in collaborazione con i colleghi di Sassari, su disposizione del gip Anna Maria Zamagni e nell´ambito di un´inchiesta coordinata dal pm della Dda meneghina Claudio Gittardi. A Carmelo D’Agosta sono state sequestrate quote della Gemini con relativo complesso aziendale quale il Caffè Samorani. A Gianfranco D’Agosta il 49 per cento delle quote intestate a Krystyna Korchervey di Babilonia Caffè con sede ad Olbia. In Sardegna sequestrato anche un hotel a 4 stelle a 40 km da Olbia in Costa Smeralda; si tratta dell´albergo "Faro" di Molarotto intestato ai due fratelli. Sequestrata anche una Porsche Cayenne.

I beni sequestrati venivano gestiti, anche attraverso prestanomi; l’indagine della Guardia di Finanza ha preso le mosse dalle discrasie emerse tra i redditi dichiarati dai due fratelli ed i beni loro intestati o a presunti prestanome.