Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 687
VITTORIA - 21/06/2012
Cronache - La Polizia scopre coltivazione in casa in contrada Cicchitto

Marijuana coltivata in casa: denunciati 2 fratelli

In tutto sono state rinvenute 9 piante alte oltre 60 cm regolarmente messe a dimora nel terreno ed altre 6 in alcuni vasi in attesa di essere trapiantate non appena grandi a sufficienza
Foto CorrierediRagusa.it

Droga coltivata per uso domestico. E’ stata scoperta dalla Polizia di Vittoria in un’abitazione di contrada Cicchitto. Pochi costi di produzione per coltivazioni in vasetti, rispetto alle produzioni industriali sequestrate dalla Guardia di finanza il mese scorso in contrada Dirillo, ma ricavi certi e discreti. Soprattutto ora che arriva l’estate e la richiesta di fabbisogno aumenta.

La sera scorsa gli agenti della sezione di polizia giudiziaria e della squadra volanti, hanno effettuato una perquisizione presso l’abitazione di uomo della zona, C.P., 36 anni, segnalato come possibile spacciatore in contrada Cicchitto. E’ stata rinvenuta una mini piantagione di marijuana proprio nel giardino antistante l’abitazione. Le piante risultavano essere ben coltivate ed alcune di queste anche molto alte cosa che fa presumere che il soggetto fosse abile nell’arte della coltivazione delle piante di marijuana e quindi non nuovo a questo tipo di attività. In tutto sono state rinvenute 9 piante alte oltre 60 cm regolarmente messe a dimora nel terreno ed altre 6 in alcuni vasi in attesa di essere trapiantate non appena grandi a sufficienza.

Insieme a C.P. è stato denunciato anche il fratello, P.P. 28 anni, sempre residente in contrada Cicchitto, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona. Dagli accertamenti effettuati dagli uomini del Commissariato, infatti, era proprio quest’ultimo a detenere la sostanza stupefacente.