Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 876
VITTORIA - 12/06/2012
Cronache - Vagava a piedi con gli stessi abiti che indossava durante la rapina

Preso rapinatore della donna: voleva soldi per la droga

Giovanni Salerno Solarino era un volto noto per vari reati. Prima tenta la fuga poi confessa: ha fatto la rapina per comprare sostanze stupefacenti
Foto CorrierediRagusa.it

E´ stato arrestato Giovanni Salerno Solarino (foto). La sua latitanza dopo la rapina è durata meno di 48 ore. Nella tarda serata di domenica la Polizia di Vittoria, coordinata dal vice questore Rosario Amarù, ha ricostruito le modalità della rapina ed ha chiuso il cerchio attorno al presunto rapinatore che nella tarda mattinata di sabato aveva terrorizzato una donna di mezza età per sottrargli la borsa poggiata sul sedile posteriore della vettura.

Armato di un cacciavite, Giovanni Salerno Solarino, già condannato in passato per droga, armi, evasione e reati contro il patrimonio, aveva preso di mira la donna appena uscita dal market di ritorno dalla spesa. Ha aperto lo sportello lato passeggero e ha pronunciato la frase «dammi la borsa o ti scanno». Chi non avrebbe dato la borsa davanti a quel cacciavite nella mani di uno che pareva disposto a tutto? Ha preso la borsa ed è fuggito. La borsa è stata ritrovata vuota in contrada Surdi, non lontano dal market di via Generale Cascino. Mancavano 100 euro e alcuni gioielli della donna.

Le indagini sono state serrate. Sulla base delle testimonianze e delle immagini della videosorveglianza, gli agenti hanno ricostruito il volto, abbastanza noto nel loro lavoro, ed hanno iniziato la caccia all’uomo, fra l’altro senza fissa dimora.

Gli agenti della polizia giudiziaria lo hanno rintracciato mentre camminava in via Incardona verso Scoglitti. Lo hanno notato di spalle, aveva ancora lo stesso abbigliamento indossato per commettere la rapina. Accortosi della presenza della polizia ha tentato di scappare. La fuga è durata qualche centinaio di metri. E’ stato raggiunto ed immobilizzato. Durante l’interrogatorio l’uomo ha confessato: aveva bisogno, di denaro, tanto denaro per il suo stato di tossicodipendenza.