Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1077
VITTORIA - 18/05/2012
Cronache - Dentro un casolare diroccato, infilati in sacchi di plastica, sotto un materasso

Arsenale ben conservato ritrovato a Serra San Bartolo

Tre fucili, una pistola e centinaia di cartucce e proiettili sono al vaglio degli inquirenti per accertarne la titolarità e l’uso criminale
Foto CorrierediRagusa.it

Nasconderle in casa, le armi, è molto pericoloso, date le visite frequenti delle forze dell’ordine. Più sicuro lasciarle dentro casolari diroccati, infilati in sacchi di plastica neri e occultati sotto materassi fatiscenti. Si possono ritrovare, ma è più difficile risalire ai possessori. L’arsenale scoperto dai Carabinieri di Vittoria nel corso dei continui sopralluoghi in campagna, si trovava in contrada Serra San Bartolo, terra fertile per frutteti e a quanto pare anche per armi e munizioni.

In buono stato di conservazione, ma tutte con matricole abrase, i carabinieri hanno rinvenuto un fucile doppietta cal. 12 a cani esterni marca «gitti» con matricola abrasa, di fabbricazione italiana; un fucile doppietta cal. 16 a cani esterni con matricola e marca abrase; un fucile tipo «flobert» monocanna cal. 9 con marca e matricola abrase; una pistola semiautomatica cal. 7,65 con marca e matricola abrase con relativo caricatore monofilare, verosimilmente marca «fn browning» di fabbricazione belga; otto cartucce a pallini cal. 12 marca «cheddite»; 2 cartucce, di cui una cal. 16 e l’altra cal. 12 assemblate artigianalmente; 4 cartucce cal. 16 marca «fiocchi»; 83 cartucce a pallini cal. 9 flobert; 49 cartucce a palla cal. 9 flobert; 8 cartucce a palla cal. 7,65; una cartuccia a palla cal. 9x19.

Le armi sono state sequestrate per lo sviluppo delle successive indagini da parte del Nucleo operativo della compagnia di Vittoria al fine di addivenire alla titolarità delle armi e dell’eventuale ambiente criminale di appartenenza.