Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 362
VITTORIA - 15/05/2012
Cronache - Serrati controlli della Polizia nella città di Vittoria

Mazze da baseball nel cofano auto, ma per abbellimento! 2 denunce

E’ sempre più frequente la detenzione di questo oggetto ritenuto arma impropria e vietata da portare
Foto CorrierediRagusa.it

Passione baseball! Il calcio è in crisi e molti giovani vittoriesi si sono dati a questo nuovo sport, hanno sempre la mazza da baseball a portata di mano. La tengono custodita nel cofano delle macchine, qualche volta insieme a catene e coltelli. Il codice penale definisce tali oggetti armi improprie atte ad offendere, vietate da portare addosso o in macchina, specialmente da soggetti con precedenti penali.

La Polizia di Vittoria, che in questi giorni tiene sotto pressione cittadini con precedenti penali che godono di libertà provvisoria, ha trovato due mazze da baseball durante i normali controlli. La prima dentro una Fiat Panda con a bordo 3 pregiudicati. Alla domanda sulla detenzione dell’oggetto sportivo, la risposta è stata per «abbellimento».

Al successivo controllo, altre sorprese. Dentro un suv due giovani a bordo manifestano irrequietezza alla vista della volante di Polizia. Sono vittoriesi emigrati a Pavia, di ritorno nella terra natia per una rimpatriata. Il passeggero ha in tasca un coltello a serramanico di 17 centimetri e nel vano portaoggetti una catena lunga 80 centimetri. Nel bagagliaio, la solita mazza da baseball! Sono stati denunciati a piede libero per porto abusivo di armi improprie.

Arrestato, invece, Alberto Drogo, dopo una libertà durata 8 giorni. Deve scontare un anno, dieci mesi e 28 giorni di reclusione per possesso di 46 involucri di carta stagnola al cui interno c’erano 180 grammi di marijuana.