Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 662
VITTORIA - 10/05/2012
Cronache - Servizio anticrimine su Scoglitti e dintorni da parte dei Carabinieri

Armi detenute illegalmente, 2 denunciati

Raffica di controlli e denunce dall’apposita squadra voluta dal Comando provinciale dell’Arma
Foto CorrierediRagusa.it

Le continue segnalazioni di furti nelle case disabitate e nelle aziende agricole, sono state oggetto dell’ultima riunione del Comitato provinciale per l’ordine pubblico. Il risultato è il massiccio spiegamento di militari nella zona da parte dei militari della Compagnia di Vittoria. Perquisizioni domiciliari, posti di controllo all’interno e nelle vie d’accesso alla frazione di Scoglitti anche grazie all’ausilio delle unità cinofile di Catania, perquisizioni personali e veicolari. nel corso del servizio è stata altresì impiegata la squadra appositamente creata dal Comando provinciale di Ragusa, voluta dal colonnello Salvatore Gagliano per il controllo delle aree rurali della giurisdizione, formata da militari con notevoli esperienze in reparti speciali dell’Arma dei carabinieri.

A seguito delle perquisizioni i militari della stazione di Scoglitti supportati dal nucleo operativo della compagnia deferivano in stato di libertà A.D. vittoriese di 58 anni, disoccupato, poiché deteneva illegalmente presso la propria abitazione sita in contrada «Lucarella» 2 fucili marca «Benelli», una pistola semiautomatica calibro 7,65 marca «Tanfoglio, 35 cartucce calibro 7,65 e 30 cartucce calibro 12. Stessa sorte anche per S.C. vittoriese di 70 anni, pensionato, perché in qualità di proprietario delle armi, ometteva di custodire con la dovuta cautela e sicurezza le stesse presso l’abitazione di A.D. Le armi sono state sottoposte a sequestro in attesa dell’adozione del provvedimento di revoca dell’autorizzazione da parte della Prefettura di Ragusa. I due dovranno rispondere di omessa custodia delle armi e detenzione illegale di armi comuni da sparo.