Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 928
VITTORIA - 10/03/2012
Cronache - Rocambolesco inseguimento fra volante di Polizia e autocarro

Arrestato Titta Magrì dopo colluttazione con agenti

Il conducente è stato ammanettato dopo che il camioin è uscito di strada nell’area Emaia. Altri due amici di Magrì sono fuggiti a piedi. Indagini per individuarli e capire il perché della fuga
Foto CorrierediRagusa.it

Fuggono in 3 a bordo di un autocarro alla vista della volante, ma dopo un pericoloso inseguimento nei pressi della zona Emaia, uno viene arrestato e gli altri due fuggono a piedi fra dirupi e sterpaglie. L’arrestato è il conducente dell’autocarro, Giombattista Magrì, 23 anni, volto noto negli ambienti giudiziari.

Il giovane è stato arrestato dopo una violenta colluttazione con i poliziotti, che hanno subito leggere ferite, ma altri due occupanti l’autocarro sono riusciti a fuggire a piedi e vengono attivamente ricercati. Sui motivi della fuga di Magrì e degli algri alla vista della volante gli inquirenti non dicono nulla. Il camioncino è risultato essere in regola con le norme sulla circolazione stradale.

L’inseguimento è iniziato quando la volante ha incrociato in via Garibaldi l’auotacarro con 3 uomini a bordo, i quali hanno manifestato evidenti segni di nervosismo. Appena gli agenti hanno fatto inversione di marcia per avvicinarsi all’autocarro, il conducente ha innescato la marcia per fuggire ad alta velocità immettendosi per le stradine strette della zona.

La fuga si è conclusa dentro l’area Emaia, dove grazie allo spazio a disposizione la volante ha affiancato l’autocarro, che nel tentativo di speronare la macchina della polizia è andato fuori strada e si è fermato. Gli occupanti sono usciti dal mezzo per fuggire a piedi. Magrì è stato raggiunto ma ha reagito ferendo gli agenti i quali, tuttavia, hanno avuto la meglio riuscendo ad ammanettarlo. Sono in corso indagini per individuare i due fuggitivi e comprendere i motivi della fuga: cosa aveva il terzetto da nascondere?