Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1413
VITTORIA - 06/03/2012
Cronache - Operazione dei Carabinieri tra Vittoria e Scoglitti

L’artigiano delle armi giocattolo è romeno

Durante la perquisizione nella casa dell’incensurato Iobel Dobrin è stata scoperta una «santabarbara» di armi giocattolo trasformati in pistole vere
Foto CorrierediRagusa.it

Un arresto, sequestro di armi e cartucce e denunce a piede libero a vittoriesi, gelesi, romeni e tunisini per reati vari. Un po’ di pulizia del territorio da parte de Carabinieri di Vittoria, guidati dal tenente Francesco Soricelli, con l’ausilio di cani fatti arrivare dal Nucleo di Niclosi e di un elicottero del Nucleo di Catania che ha sorvolato dall’alto.

Alle 8 del mattino era tutto finito. Con Iobel Dobrin, nato in Romania, 41 anni, sposato, bracciante agricolo incensurato abitante in contrada Pozzo Ribaudo, zona di Scoglitti. Che cosa hanno trovato i carabinieri nella sua dimora setacciata da cima a fondo? Due pistole a salve marca Berni mod. 85 ex cal. 89, modificate con innesto di una canna in acciaio cal. 9 filettata nel vivo di volata per l’inserimento di un silenziatore; 1 pistola a salve marca Valtro con vari componenti da renderla offensiva; 1 carabina ad aria compressa mod. B2 cal. 4,5 marca Norconia; 1 carabina ad aria compressa mod 55 marca Hatsan con canna e calcio ridotti tanto da renderla occultabile e più potente; 1 caricatore contenente 7 cartucce cal. 9 compatibile con le pistole; 31 cartucce cal. 9 e 18 cal. 22, occultati in una borsa posta nella cucina. L’artigiano balistico, arrestato per possesso di quella piccola «santabarbara» rinvenuta nel suo laboratorio artigianale di armi clandestine. Un alchimista vero e proprio, capace di far diventare armi giocattolo per ragazzi in apparato bellico in grado di ammazzare.

Il controllo del territorio ipparino, predisposto dal colonnello Salvatore Gagliano, si è esteso anche ad altri soggetti, tutti denunciati a piede libero. F.E. tunisino di 34 anni, perché a seguito di perquisizione personale e domiciliare è stato trovato in possesso di 50 grami di semini di canapa indiana e di 30 pacchetti di sigarette marca «Marlboro» privi del contrassegno dei monopoli di stato; S.G., vittoriese 25 anni, per violazione all’obbligo di sorveglianza speciale; R.S., 41 anni e P.A.A., gelese del 21 anni, perché a seguito di perquisizione personale e veicolare del ciclomotore Aprilia Scarabeo avvenuta a Scoglitti, di sono stati trovati in possesso di arnesi atti allo scasso dei quali non sapevano giustificare la loro destinazione; S.C.V., rumeno 26 anni, residente a a Scoglitti, celibe, bracciante agricolo, incensurato, trovato con un coltello nella tasca dei pantaloni a seguito di perquisizione personale veniva rinvenuto nella tasca dei pantaloni; B. C., 17enne, M.C., 16enne, e B.G., 17enne, tutti vittoriesi incensurati trovati intenti ad asportare mediante un tubo di gomma, dall’autovettura Fiat 600, 10 litri di carburante. N.M, tunisino 38 anni, domiciliato ad Acate perché trovato con 37 stecche di sigarette marca «Marlboro» prive del contrassegno del monopolio di stato, per un peso complessivo di 8 kg e per i quali veniva irrogata una sanzione di 40.000 euro circa.