Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1276
VITTORIA - 04/03/2012
Cronache - Scoglitti per diverse ore senza luce

Topi mangiano fili e provocano incendio cabina elettrica

I roditori entrano nella cabina seminterrata di piazza Risorgimento e causano il black out prima di mezzogiorno. I vigili del fuoco hanno spento l’incendio

I topi lasciano al buio mezza Scoglitti. Rosicchia oggi, rosicchia domani, fino a quando i fili della cabina elettrica interrata e ubicata in piazza Risorgimento, proprio dove i pullman provenienti e in partenza da e per Vittoria fanno capolinea, non provocano l’incendio. Un atto vandalico? No, rassicurano i vigili del fuoco, i roditori che amano fare questi scherzi nutrendosi dei fili degli impianti elettrici.

A limitare i danni dell’incendio, il consigliere comunale che vive a Scoglitti, Giuseppe Incorvaia, il quale alla vista della del fumo che fuorusciva dalla grata che custodisce la cabina, ha immediatamente chiamato i vigili del fuoco. E’ successo poco dopo mezzogiorno. I pompieri sono arrivati che già il fumo bianco si levava alto emanando un fastidiosissimo odore di bruciato.

E’ stato domato il fuoco e circoscritti i danni all’interno della cabina, ma il black out era già inevitabile, perché tutte le abitazioni vicine e del centro storico della frazione si sono ritrovate senza energia elettrica per parecchie ore. Finito il lavoro dei vigili del fuoco, è cominciato quello dei tecnici dell’Enel, i quali hanno dovuto sostituire i cavi di rame mangiati dai topi e danneggiati dal fuoco con un nuovo impianto.


conoscenze tecniche
05/03/2012 | 7.38.12
Antonio

Anche i paesi piu arretrati sanno che i cavi elettrici in queste occasioni debbono essere di una qualita che impediscono ai roditori di mangiarli.
MA NOI SIANO UN POPOLO SPECIALE IN TUTTO.