Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 746
VITTORIA - 01/03/2012
Cronache - Dopo l’assoluzione per prescrizioni dei termini

Diplomi falsi, procedure licenziamento per 6 dipendenti

Destinatari del procedimento punitivo 8 impiegati, due dei quali già in pensione. Entro 20 giorni dovranno presentare scritti difensivi al giudice conciliatore Foto Corrierediragusa.it

Dopo l’assoluzione per prescrizioni dei termini, il Comune di Vittoria (che si era costituito parte civile) ha avviato la procedura per il licenziamento degli 8 dipendenti accusati di avere beneficiato di diplomi falsi per accedere a livelli superiori in ufficio. Degli 8, due nel frattempo sono già pensionati, quindi il provvedimento di licenziamento riguarda soltanto 6 persone. La notizia è di questi giorni, ma dall’ufficio del segretario generale non filtra niente.

Chiusa la fase penale, dunque, per i sei dipendenti comincia una nuova fase giudiziaria, quella di fare in modo di evitare il licenziamento. Con l’avvio del procedimento, i dipendenti in questione avranno 20 giorni di tempo per presentare eventuali scritti difensivi e portarli davanti al giudice conciliatore. Difficile prevedere cosa deciderà il giudice. Sulla base delle ipotesi, in alternativa al licenziamento si potrebbe comminare una sanzione amministrativa inferiore, cioè una sospensione dal lavoro per un determinato periodo di tempo. Sarà il giudice se confermare o meno il licenziamento definitivo.

Nel mese di marzo 2011 il giudice unico del Tribunale di Vittoria Ivano Infarinato, a conclusione del processo durato parecchi da, emesse 3 condanne e 12 assoluzioni per prescrizioni dei termini. I soggetti condannati erano stati accusati di avere prodotto diplomi falsi e messi a beneficio di alcuni dipendenti comunali di Vittoria, utilizzati poi per scavalcare altri dipendenti che invece avrebbero avuto maggiori requisiti amministrativi. Il Comune si era costituito parte civile con l’avvocato Antonella Brancaforte.

Nella foto palazzo Iacono, sede del comune di Vittoria