Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 21 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 21:03
VITTORIA - 24/02/2012
Cronache - La giovane è ricoverata al «Guzzardi» in gravi condizioni

Scontro scooter-ambulanza, ragazza in prognosi riservata

Un’altra coetanea, R.P., che viaggiava con lei ha rimediato fratture varie guaribili in 40 giorni

Una 15enne di Vittoria, S. I., si trova ricoverata in prognosi riservata al «Guzzardi» di Vittoria a seguito di un incidente stradale verificatosi sulla ss 115, tratto circonvallazione incrocio per Pedalino. Un’altra coetanea, R.P., che viaggiava con lei ha rimediato fratture varie guaribili in 40 giorni. L’incidente è avvenuto giovedì sera mentre la ragazza, alla guida di un ciclomotore Piaggio, stava effettuando la svolta a sinistra per immettersi verso il centro abitato. Proprio in quel momento sopraggiungeva un’autoambulanza privata appartenente a una ditta di Comiso, diretta verso la Fontana della pace. A seguito del violento impatto, le due ragazze sono state sbalzate dal sellino e scaraventate a terra.

La conducente del ciclomotore ha riportato ferite più gravi; la trasportata se la caverà in 40 giorni e si trova ricoverata nel reparto di Ortopedia. Illeso l’autista dell’autoambulanza, M.G., che si è subito prodigato per aiutare i feriti. I rilievi del sinistro sono stati effettuati dai Vigili urbani coordinati dal tenente Fabrizio Piccione.

Quest’ultimo incidente si potrebbe classificare come uno dei tanti sinistri che si verificano sulle nostre misere e maledette «mulattiere», invece merita una sottolineatura particolare, perché avvenuto in uno dei 3 incroci della «morte» esistenti sulla circonvallazione per Gela: l’incrocio per Pedalino, quello per Acate e quello per la via Generale Cascino, in passato teatri di drammatici incidenti.

E’ da circa 20 anni che predichiamo fino a perdere il fiato la priorità assoluta della realizzazione delle 3 rotatorie nei punti nodali dell’arteria, ma non ci sono soldi per mettere in sicurezza quei tratti. E’ più comodo castigare (giustamente) gli automobilisti che non indossano il casco o non allacciano le cinture in automobile che rendere le strade sicure adeguandole agli standard di sicurezza delle città evolute e moderne del resto della penisola.