Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1081
VITTORIA - 20/02/2012
Cronache - I Vigili urbani di Vittoria setacciano il territorio ipparino

Lastre d’amianto per recintare, scatta la denuncia

140 lastre in cemento-amianto per recinzione. Il comandante Costa: «Abbiamo agito in sinergia con gli ispettori di prevenzione dell’Asp 7». Nel centro storico sequestrato un edificio abusivo
Foto CorrierediRagusa.it

Amianto, discariche abusive e costruzioni edili nel centro storico in dispregio alle normativa vigente. La Polizia municipale di Vittoria è impegnata su tutti i fronti per combattere le illegalità che si verificano in città, ha denunciato diverse persone e sequestrato 140 lastre in cemento-amianto (foto), adoperate come recinzione di un lotto di terreno agricolo di contrada Pezza di Pupo di Vittoria. Il proprietario del terreno G.D.P. è stato denunciato all´autorità giudiziaria in quanto diverse lastre di cemento amianto, derivanti dalla copertura di un vecchio edificio, non erano state smaltite correttamente, ma riutilizzate senza alcuna cautela.

«Le operazioni – ha detto il comandante della Polizia municipale di Vittoria Cosimo Costa – sono state effettuate su direttiva del sindaco Giuseppe Nicosia e d’intesa con l’assessore comunale alla Polizia municipale Piero Gurrieri. La prima risale a venerdì 17 febbraio, allorquando personale della Squadra ambientale, a seguito di una particolareggiata attività d’indagine, ha proceduto, avvalendosi dell’ausilio di ispettori della prevenzione dell´Asp 7 di Ragusa, al sequestro di circa centoquaranta lastre in cemento-amianto, adoperate come recinzione di un lotto di terreno agricolo di contrada Pezza di Pupo di Vittoria. Tale materiale è da considerarsi rifiuto speciale pericoloso in quanto, se esposto ad agenti atmosferici, subisce un progressivo degrado per azione delle piogge, degli sbalzi termici e dell´erosione eolica, con il rischio del rilascio di fibre che si disperdono nell´ambiente circostante, con gravi danni per l’uomo».

Nell’ambito di tali attività di controllo sono stati, altresì, individuati due siti, nelle contrade Fortuna e Salmè, che, a causa di continui abbandoni di rifiuti di vario genere da parte di ignoti, sono diventati delle «discariche» abusive. Sono in corso accertamenti per l’individuazione dei proprietari dei lotti e dei responsabili degli abbandoni di rifiuti solidi urbani, per l’inoltro degli atti all´autorità giudiziaria ed ai competenti uffici comunali e regionali. Ad opera della Squadra edilizia, è stato sottoposto a sequestro anche un fabbricato del centro storico, edificato abusivamente, in totale dispregio della normativa in materia. Il responsabile è stato denunziato all´autorità giudiziaria anche per deturpamento e danneggiamento di bellezze paesaggistiche ed archeologiche, trattandosi di zona sottoposta a vincolo paesaggistico e prospiciente la Valle dell´Ippari. Infine, a seguito dell’attività di contrasto all’abusivismo edilizio, la Polizia municipale ha effettuato mirate verifiche anche su alcuni cantieri edili di Vittoria e Scoglitti ed ha inoltrato alla Procura della Repubblica di Ragusa tre denunzie nei confronti di altrettanti responsabili di illeciti edilizi.

In merito alle voci riguardo al mancato pagamento di somme pregresse ai vigili urbani, denunciato dal sindacato Ugl, che ha anche proclamato lo stato di agitazione, il dirigente del settore Personale del comune Salvatore Troja ha dichiarato che «non si tratta né di stipendi, né di straordinari, ma di compensi per un progetto di miglioramento dei servizi. Il ritardo nella corresponsione di tali somme – continua Troja – è stato dovuto solo al rispetto dei tempi necessari all’espletamento dell’intero iter burocratico; giovedì scorso il Nucleo di valutazione ha espresso il necessario parere di competenza, visto che la documentazione era stata completata positivamente, per cui c’è l’impegno da parte dell’Amministrazione comunale di procedere al più presto al pagamento di tali somme, anche con un fuori busta».