Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 829
VITTORIA - 14/02/2012
Cronache - Manette per Carmelo Simon Capitina

Droga e mazza da baseball in auto, arrestato vittoriese

Il gip ha poi scarcerato l’uomo nell’ambito del processo per direttissima, dopo la convalida dell’arresto, disponendo l’obbligo di firma in commissariato

La volante del commissariato ha tratto in arresto Carmelo Simon Capitina, vittoriese, 20 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, verosimilmente cocaina. Gli agenti erano rimasti insospettiti dall’atteggiamento dell´uomo, che, assieme ad una ragazza, si trovava all’interno di un’autovettura parcheggiata, tra l’altro, in modo da ostacolare la normale circolazione dei veicoli.

Sottoposti a controllo, entrambi risultavano avere precedenti relativi agli stupefacenti e nel corso della perquisizione è stato rinvenuto nelle tasche dell’uomo un piccolo involucro contenente un grammo di sostanza stupefacente e nel portafogli tre banconote da 50 euro. Inoltre nel cofano posteriore era rinvenuta una mazza da baseball.

Date tali prime risultanze, la perquisizione veniva estesa anche all’abitazione del ragazzo, dove, ben nascosti, si rinveniva una ulteriore dose di stupefacente, due bilancini di precisione, sostanza utilizzabile per il taglio della droga, un contenitore con decine e decine di semi di marijuana. Per tali motivi l´uomo è stato arrestato. Il gip ha poi scarcerato l´uomo nell´ambito del processo per direttissima, dopo la convalida dell´arresto, disponendo l´obbligo di firma in commissariato e disponendo il rinvio del processo al 21 febbraio in attesa degli esiti delle analisi sulla sostanza stupefacente.

Sono state denunciate inoltre tre persone. Due per violazioni di norme relative a delitti contro la famiglia, uno per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.