Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1142
VITTORIA - 01/02/2012
Cronache - Operazione Prezzo Giusto: la Finanza ha chiuso una indagine investigativa avviata due anni fa

Illegalità mercato, truffe ed evasione fiscale per 18 milioni

Denunciate 74 persone, tra cui due notai ed otto impiegati di palazzo Iacono
Foto CorrierediRagusa.it

Diciotto milioni di evasione fiscale e 74 persone denunciate, tra cui due notai ed otto funzionari di palazzo Iacono. La Guardia di Finanza ha concluso una intensa attività investigativa al mercato ortofrutticolo di contrada Fanello (nella foto) avviata circa due anni fa con controlli a tappeto parte degli uomini del colonnello Fallica.

L’indagine della Guardia di Finanza ha preso le mosse dalle risultanze di un’indagine conoscitiva condotta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed è stata tesa ad analizzare tutte le dinamiche del mercato, partendo dalla legittimazione giuridica dei soggetti che all’interno prestano la loro attività. Sono stati dunque monitorati tutti i 74 commissionari, con l’ausilio di perquisizioni, verifiche fiscali e controlli nonché attraverso una miriade di accertamenti incrociati. Delle 74 persone interessate dalle indagini 65 sono state denunciate per manovre speculative su merci (rialzo fraudolento dei prezzi), 63 per truffa, 41 per il reato di turbata libertà degli incanti, 8 per abuso d’ufficio, 3 per peculato, 2 per favoreggiamento reale, 1 per falso in scrittura privata, 1 per bancarotta fraudolenta.

Le operazioni di controllo hanno anche consentito di constatare una evasione fiscale per un totale di oltre 18 milioni di euro relativi a redditi non dichiarati. Altre tre persone sono state denunciate per aver commercializzato 27mila chili di ortaggi (pomodorini tipo datterino-ciliegino e carciofi) importati dalla Tunisia in frode alle norme sulla corretta indicazione dell’origine del prodotto.

Il dossier di 229 pagine consegnato al procuratore della Repubblica di Ragusa Carmelo Petralia è stato suddiviso in sei sezioni riguardanti la contraffazione all’interno del mercato, le truffe, le vendite tra i commissionari, le volture delle concessioni, il comportamento dei commissionari, la genuinità dei fallimenti, le vendite tra i commissionari.