Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 148
VITTORIA - 01/01/2012
Cronache - Vittoria, Capodanno funestato da un grave incidente tra via Roma e via Bixio

Scontro urbano, romena rischia amputazione gamba

Giovane coppia di romeni in ospedale: lei a Caltanissetta operata al cervello e alla gamba. Lui al «Guzzardi» guaribile in 30 giorni. Illeso il vittoriese alla guida di una Fiesta
Foto CorrierediRagusa.it

Gravissimo incidente stradale in pieno centro a Vittoria. Una ragazza romena di 21 anni, S.R., si trova ricoverata in prognosi riservata in un reparto dell’ospedale di Caltanissetta. Ha riportato un trauma cranico commotivo e rischia anche l’amputazione di una gamba. Viaggiava a bordo di un ciclomotore Aprilia condotto da un giovane connazionale di 24 anni, A.P. che è risultato positivo al test alcolemico. Il giovane ha rimediato 30 giorni di prognosi per fratture varie ed è ricoverato presso l’ospedale di Vittoria. La ragazza è stata operata al cervello stamattina nel nosocomio nisseno.

Il terribile scontro tra una Ford Fiesta condotta dal vittoriese A.G. di 19 anni, illeso, s’è verificato poco prima della mezzanotte all’angolo tra via Bixio e via Roma. La dinamica dell’incidente è stata effettuata dagli agenti della Polizia municipale coordinati dal tenente Fabrizio Piccione. Secondo una prima ricostruzione del sinistro, il ciclomotore aveva la precedenza, ma non è escluso che la Ford procedesse anche a velocità sostenuta.

I due mezzi sono stati sequestrati al fine di accertare meglio le cause e le responsabilità. Verso mezzogiorno i medici dell’ospedale «Guzzardi» hanno dato l’esito del test alcolemico per entrambi i conducenti. Il giovane vittoriese di 19 anni è risultato negativo, mentre il romeno aveva da poco bevuto per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.